Quantcast
LANUVIO, VIA LAVINIENSE: IN ARRIVO CAVALCAVIA E ROTATORIA - Castelli Notizie
Attualità

LANUVIO, VIA LAVINIENSE: IN ARRIVO CAVALCAVIA E ROTATORIA

treno

E‘ una denuncia fatta con dati piuttosto circostanziati quella che Nazareno Ferrazza, coordinatore dei Castelli Romani e Aprilia del Partito Liberale, fa della situazione del cavalcavia e della rotatoria sulla Via Laviniense.

Per il cavalcavia – sottolinea Ferrazza – erano stati stanziati 775mila euro, mentre per la rotatoria 360mila. I dati si trovano sul programma triennale delle opere pubbliche 2005 – 2007 della Provincia di Roma, dove si evinceva che nel febbraio 2006 sarebbero iniziati i lavori del cavalcavia, per terminare nel febbraio del 2007. Per la costruzione della rotatoria, invece, c’era scritto che i lavori avrebbero avuto inizio nel febbraio del 2006 per vedere la luce nell’agosto del 2006. Nel bilancio triennale delle opere pubbliche 2008 – 2010, però, le due opere non sono più state inserite. Pensate – continua Ferrazza – da anni si denunciava la pericolosità dell’incrocio, dove si sono registrati moltissimi incidenti con diversi feriti, e mentre la Provincia di Roma voleva iniziare i lavori nel febbraio 2006 il Comune di Lanuvio solo il 29 novembre 2007 ha preso atto della variante al PRG sulle due opere. Per arginare il problema l’allora Sindaco di Lanuvio Rossano De Santis volle costruire una rotatoria mobile, con fondi comunali, che è ancora lì e che per fortuna ha fatto si che non si registrassero più incidenti particolarmente seri”.

Un iter che sa di odissea, quello che, il condizionale è d’obbligo, potrebbe essere giunto a compimento solo in questi giorni, a quasi 7 anni dai primi proclami. Una lungaggine spaventosa che porta l’esponente del Partito Liberale a richiedere a gran forza l’abolizione di un ente che ritiene inutile come la Provincia. Proprio la Provincia nel maggio del 2010 diramò un comunicato nel quale si annunciava l’approvazione del cavalca ferrovia al km 3 della Laviniense, con un ampliamento di 9 metri della sede stradale ed un costo di 3 milioni. “Realizzeremo due corsie da 3,5 metri, banchine laterali e marciapiedi per ogni senso di marcia – si leggeva nel comunicato. In questo modo – aggiunsero – sarà messa la parola fine all’attuale senso unico alternato, regolato da un semaforo e causa di continue file e ingorghi”. Qualche mese dopo, nel luglio del 2010, venne finalmente indetto il bando di gara. Frammentarie le notizie da allora, fin quando pochi giorni fa, lunedì 14 novembre, è stato pubblicato l’avviso di gara esperita da parte della Provincia di Roma, “nel quale – è di nuovo Ferrazza a precisarlo –si legge che in data 10 ottobre 2011 é stato aggiudicato l’appalto, che l’impresa aggiudicataria é la Edil MATER srl, il ribasso di aggiudicazione é del 28,53% e quindi l’appalto ha un importo contrattuale di euro 1.266.090”. Da qui l’attacco del rappresentante liberale, per il quale “sono assolutamente troppi 7 anni per indire una gara dove già sono stati stanziati dei soldi”. Per i profani è bene rammentare che la Laviniense collega la provinciale Appia Vecchia con la Nettunense, in località Campoleone, e riveste un’importanza fondamentale per la viabilità e lo sviluppo economico dell’area sud dei Castelli. Infatti, oltre a costituire la principale via di accesso all’abitato di Lanuvio, collega Genzano, Lanuvio e Velletri con il litorale a sud di Roma ed in particolare con le vie Nettunense e Pontina.

Più informazioni