Quantcast
D'ANNIBALE (PD): 'RIPRISTINARE IL REDDITO MINIMO GARANTITO' - Castelli Notizie
POLITICA

D’ANNIBALE (PD): ‘RIPRISTINARE IL REDDITO MINIMO GARANTITO’

precari3

E’ stata accolta con l’entusiasmo di chi ne aveva sempre fatto un proprio cavallo di battaglia la voce che anche il Governo Monti starebbe pensando al reddito minimo garantito. La soddisfazione è tutta del consigliere regionale del Pd Tonino D’Annibale, uno dei volti più conosciuti nella politica castellana, per lui che da Genzano ha mosso i primi passi verso la Pisana. “La Regione Lazio – ha detto D’Annibale – nella passata legislatura è stata la prima regione italiana a istituire il reddito minimo garantito. La proposta del Ministro del Lavoro Elsa Fornero, perciò, non può che incontrare tutto il nostro favore. La Presidente Polverini ha fatto un grave errore a definanziare uno strumento che si era rivelato indispensabile per le famiglie più disagiate. Considerando la situazione economica in atto, la profonda crisi occupazionale che investe soprattutto i giovani e l’esclusione dal mondo del lavoro di fasce di lavoratori sempre più a rischio per limiti di età e senza paracadute sociale, riteniamo opportuno che il testo di legge regionale venga affinato per far sì che una proposta già valida diventi validissima e favorisca una politica attiva per il lavoro. Vogliamo far sì che giovani e disoccupati, attraverso le norme contenute nel reddito minimo, siano messi in condizione di entrare nel mondo del lavoro attraverso un percorso di formazione continua, un accesso al credito sicuro e facilitato soprattutto per i giovani. Dobbiamo attuare interventi mirati per creare nuova occupazione, è questo l’antidoto migliore contro la crisi in atto. Nella proposta che stiamo definendo in queste ore – ha concluso D’Annibale – stiamo anche prevedendo percorsi ad hoc per gli ultraquarantenni disoccupati e inoccupati per i quali stiamo studiando misure che favoriscano il reinserimento nel mondo del lavoro o, in alternativa, prevedano la corresponsione del reddito minimo garantito”.

Più informazioni
commenta