Quantcast
SICUREZZA, A VELLETRI ARRIVA IL NUMERO 'S.O.S. POLIZIA' - Castelli Notizie
CRONACA

SICUREZZA, A VELLETRI ARRIVA IL NUMERO ‘S.O.S. POLIZIA’

Al centro il vice questore aggiunto, dottor Alfredo Luzi, Dirigente del Commissariato di Velletri, col Sindaco Fausto Servadio e la numero uno della Confcommercio Ornella Laudazzi

Al centro il vice questore aggiunto, dottor Alfredo Luzi, Dirigente del Commissariato di Velletri, col Sindaco Fausto Servadio e la numero uno della Confcommercio Ornella Laudazzi

Detto e fatto. Immediata risposta da parte della Polizia di Stato alla tavola rotonda di metà novembre, quando il Questore di Roma, Francesco Tagliente, si recò a Velletri per incontrare i vertici amministrativi della città e fare il punto sull’escalation fi furti e rapine in atto. Dai propositi scaturiti in quell’incontro non è certo rimasto con le mani in mano il Dirigente del Commissariato di Polizia di Velletri, il Vice Questore Aggiunto dr. Alfredo Luzi, che nella tarda mattinata di oggi ha presentato l’ultima iniziativa messa in atto per contrastare la microcriminalità del territorio. Accanto a lui il Sindaco di Velletri Fausto Servadio e la numero 1 di Confcommercio, Ornella Laudazzi. Proprio ai commercianti, ma anche a tutte le altre associazioni di categoria, è rivolta questa iniziativa, che va a recepire il grido di allarme lanciato negli scorsi mesi, quando i reati predatori ai danni degli esercizi commerciali sono aumentati  a dismisura.

Massima disponibilità era stata espressa allora da parte del questore, che aveva rassicurato i presenti garantendo delle azioni mirate alla salvaguardia dell’incolumità dei cittadini e dei loro beni. Con dei ranghi ridotti all’osso, e nell’impossibilità di rinfoltirli, si era detto che ci si sarebbe ‘arrangiati’ con l’esiguo materiale umano a disposizione, pur non lesinando l’impegno da parte dei poliziotti dispiegati nel territorio, rinforzati dagli uomini dell’investigativa e dell’anticrimine. Eppure si è andati oltre tramite un’iniziativa ‘partorita’ proprio da Alfredo Luzi, che pur arrivato nel Commissariato di Velletri da appena 6 mesi si sta distinguendo positivamente per l’incisività delle operazioni portate a termine. Proprio lui ha tolto i veli sull’iniziativa, che si basa sull’attivazione di una nuova utenza telefonica che il Commissariato di Velletri ha messo a disposizione delle Associazioni di categoria per agevolare eventuali segnalazioni. “Si tratta – ha specificato il vice questore aggiunto – di una iniziativa improntata alla politica del partenariato, che mira ad offrire un ulteriore canale di veicolazione delle informazioni e che si affianca ed integra al servizio di pronto intervento del 113. L’obiettivo è quello di dare delle risposte sempre più corrispondenti alle esigenze degli operatori economici della zona e, allo stesso tempo, grazie al filo diretto riuscire ad elevare la percezione di sicurezza degli stessi, dando un concreto segnale della vicinanza della Questura di Roma. La condivisioni di certe informazioni, siano esse segnalazioni concrete o semplici sospetti, rappresentano una risorsa per gli agenti del Commissariato, anche nell’ottica della razionalizzazione delle risorse e delle modalità di impiego. Con questo numero – ha aggiunto Luzi – che mi piace chiamare come una sorta di ‘S.O.S. POLIZIA’, si riceveranno le segnalazioni direttamente sul telefonino, senza dover passare per il 113 e, quindi, la sala operativa. Potranno esservi convogliate, oltre alle telefonate, anche sms, mms e tutto quanto la moderna tecnologia della telefonia cellulare consente”. Non sarà un numero di dominio pubblico, per ovvie ragioni, esplicate dal Dirigente del Commissariato veliterno: “va evitata ogni segnalazione fuorviante e siamo certi che non vi saranno usi impropri”. A scoraggiare l’eventuale smania di mitomani o malintenzionati il fatto che di ogni chiamata, che pure resterà anonima, rimarranno comunque  delle tracce eventualmente riscontrabili. “Tutto questo – ha concluso Alfredo Luzi – si snoda nell’ambito di attività info-investigative improntate alla prevenzione e non alla mera repressione. In aggiunta alla videosorveglianza avremo allora tanti piccoli occhi in più che monitoreranno la realtà, provando a scongiurare l’operato di chi vuole delinquere”.

Plauso convinto da parte del Sindaco Fausto Servadio, che si è detto entusiasta dell’iniziativa: “sono soddisfatto – ha premesso – che in così poco tempo si sia già data una prima risposta all’emergenza sicurezza. La microcriminalità è diffusa e – ha aggiunto il Primo Cittadino – c’è bisogno che tutti i cooperino dando informazioni utili alle forze dell’ordine. Già con la videosorveglianza molto è stata fatto in tal senso, essendosi rivelata davvero preziosa per certe indagini, ma un appello lo faccio ai genitori e i nonni, affinchè siano più vicini ai propri figli e nipoti, specie se adolescenti, evitando di prendere sottogamba quello che è il primo controllo da non trascurare per la buona crescita dei ragazzi”.

Felicitazioni per la nuova utenza telefonica anche da parte di Ornella Laudazzi, che si è anch’ella complimentata per la “prontezza con la quale la Polizia ha recepito le nostre istanze, senza sottovalutarle. Si tratta di un aiuto indispensabile – ha aggiunto la numero uno dell’Associazione Commercianti – Confcommercio – che sono certa sarà di grande sostegno per i commercianti, accorciando moltissimo i tempi di intervento dei tutori dell’ordine”. Proprio a lei, e agli altri responsabili di categoria, il compito di divulgare il preziosissimo numero telefonico, sperando  riesca ad essere di supporto alla infaticabile ed encomiabile attività dei poliziotti veliterni, costretti da anni a muoversi all’interno di uno stabile non in linea con l’operato e le esigenze di chi vi lavora, nonché  soggetti a tagli di risorse che di certo non combaciano con la volontà e le capacità di chi per il mestiere tanto vi si spende.

(ore 13.43 – 05-01-2012)
Più informazioni
commenta