Quantcast
Velletri – SI VA VERSO LA PARZIALE RIAPERTURA DEL CORSO - Castelli Notizie
Attualità

Velletri – SI VA VERSO LA PARZIALE RIAPERTURA DEL CORSO

Dissuasore coso

Tanto tuonò che piovve. È più che mai il caso di dirlo, a Velletri, dove una delle dispute più esacerbate degli ultimi mesi, quella sull’opportunità di pedonalizzare il primo tratto del Corso della Republica, sta per giungere ad una svolta, forse decisiva. Pressata dai mormorii dei commercianti, e di quelli di qualche residente, l’Amministrazione comunale di Velletri pare in procinto di fare un piccolo, ma sostanziale, passo indietro in favore di una riapertura parziale. Proprio a pochi giorni dall’installazione di un dissuasore del traffico a scomparsa, posizionato proprio all’inizio di quella parte del Corso che porta sino a Piazza Cairoli, si va verso la possibilità di consentire il passaggio di carico e scarico merci nelle fasce orarie più ‘calde’, quelle che vanno dalle 8 alle 10 e dalle 14 alle 16. 

Allo studio, ma è un’eventualità che trova peraltro pochi consensi, la possibilità di far transitare persino la linea verde dei Bus navetta gratuiti. L’Assessore ai Lavori pubblici Roberto Leoni, interpellato su queste voci, non ha smentito, limitandosi però a dire che “partendo dalla certezza di fondo che il Corso deve rimanere zona pedonale, si sta ragionando su alcune ipotesi che facciano fronte alle esigenze di cittadini e commercianti”. 
Apprezzamento, per questo ‘pacchetto’, viene espresso dall’Associazione Commercianti-Confcommercio, mentre appare più radicale, ed improntata all’esigenza di non tornare indietro, la posizione della Confesercenti, che per bocca del suo numero 1, Mauro Leoni, mostra tutto il suo dissenso nei confronti di un possibile ritorno al passato, caldeggiando, insieme ad altre associazioni una celere pedonalizzazione anche di tutto il proseguo dell’arteria che s’incunea nel cuore del centro storico di Velletri.
Veemente la reazione di Maria Paola De Marchis, presidente dell’Associazione Culturale ‘Calliope’ ed ex candidato a sindaco nelle Primarie del 2007 del centrosinistra. “Il Corso di Velletri – ha detto affidando i suoi pensieri ad un popolare social network – non è dei commercianti ma è un patrimonio di tutti i cittadini. Se c’è ancora qualcuno che pensa di far restare Velletri una cittadina medievale non ha fatto i conti con le tante energie che in questa città ci sono. Faccio sempre più fatica a capire una categoria che nonostante da tanti anni vede i cittadini di Velletri fare le loro spese in altre città continua a proporre antiche ricette (macchine davanti alle vetrine, orari stabiliti per legge). Sono proprio così tutti i commercianti o è un problema solo della loro dirigenza?”.
Interrogativi che arrivano come macigni e che, appare inevitabile, rinfocoleranno ancor di più il dibattito. E’ per questo che invitiamo i lettori di Castelli Notizie ad esprimere la propria opinion sull’argomento, cercando di imbastire un dialogo costruttivo e propositivo. Potete farlo utilizzando il sottostante spazio dei commenti, che saranno approvati una volta vagliati dal nostro moderatore. 

 

 

(dom.22.01.2012 – ore 9.01) (agg.gio.26-01-2012 – ore 18.49)
Più informazioni
commenta