Quantcast
'Il Binocolo sul Mondo' - IN CRESCITA I BAMBINI VITTIME DELLA STRADA - Castelli Notizie
Attualità

‘Il Binocolo sul Mondo’ – IN CRESCITA I BAMBINI VITTIME DELLA STRADA

Giornata mondiale del ricordo per le vittime della strada

In questa prima de ‘Il Binocolo sul Mondo’ affrontiamo il tema, mai tanto dibattuto quanto meriterebbe, delle vittime provocate dall’alta velocità, dall’imprudenza e dall’inciviltà di tanti automobilisti. Sempre di più, statistiche alla mano, risultano essere i bambini vittime della strada. Nel 2011 i morti di età compresa tra zero a 13 anni sono infatti aumentati del 10% rispetto all’anno precedente. Il dato, inquietante, emerge da uno studio dell’Oservatorio Asaps (Associazione Amici Polizia Stradale) – Il Centauro. Nell’anno da poco terminato si sono verificati 541 incidenti gravi, nei quali hanno perso la vita 65 bambini (contro i 59 del 2010) e ne sono rimasti feriti ben 625.

Proprio le strade delle aree urbane quelle più a rischio: ben 336 dei 541 incidenti (62%) sono avvenuti infatti nei centri abitati. 38 gli incidenti causati da pirati della strada, mentre in 12 incidenti mortali il conducente del veicolo coinvolto è risultato sotto l’effetto di alcool o droghe. In testa a questa classifica davvero poco onorevole la Lombardia con 109 incidenti; seguono l’Emilia Romagna con 70 e il Veneto con 55. Molto meglio è andata nel Lazio dove gli incidenti mortali che hanno coinvolti bimbi con meno di 13 anni sono stati ‘solo’ 6. L’Asaps ha sottolineato l’importanza, per gli adulti, di rispettare le normali regole di sicurezza stradale, la cui violazione è quasi sempre all’origine di tali tragedie, e questo ripropone il problema del corretto fissaggio dei piccoli negli appositi seggiolini. Il numero di vittime sbalzate fuori dall’abitacolo in seguito allo schianto fa ritenere che gran parte di loro non fosse neppure trasportata a norma.

Un appello va proprio dritto alla coscienza degli adulti, visto che un bambino, sulla strada, non è mai colpevole. Di nulla!  

 

 

 

SEGGIOLINI PER BAMBINI – I CONSIGLI DELL’ACI (da Aci.it)

  1. Usare il seggiolino più idoneo: adatto al peso del bambino e omologato (etichetta ECE 44.03 o ECE 44.04).
  2. Istallarlo correttamente: attenersi sempre alle istruzioni fornite dal produttore; provarlo immediatamente dopo l’acquisto; non montarlo sul sedile anteriore se l’airbag non è disattivabile.
  3. Posizionare il bambino in maniera idonea: evitare che le cinture di ritenuta siano troppo vicine al collo; stringere sempre in maniera corretta le cinture del seggiolino; togliere gli indumenti pesanti al bambino prima di posizionarlo sul seggiolino.

RECENTI STUDI DIMOSTRANO CHE: un urto a 15 km/h può essere mortale per un bambino non assicurato sul seggiolino, mentre nel caso di un impatto a 56 km/h, un bambino del peso di 15 kg produce una forza d’urto pari a 225 kg. Impossibile quindi trattenerlo con le braccia.

 

COME SCEGLIERE UN SEGGIOLINO
I sistemi di ritenuta si dividono in quattro gruppi, secondo il peso del bambino:

  • gruppo 0 : per bambini con peso inferiore a 10 kg;
  • gruppo 0+: per bambini con peso inferiore a 13 kg;
  • gruppo 1 : per bambini con peso tra 9 e 18 kg;
  • gruppo 2 : per bambini con peso tra 15 e 20 kg;
  • gruppo 3 : per bambini con peso tra 22 e 36 kg

 

IL SISTEMA ISOFIX
E’ il sistema più innovativo ed efficace per agganciare un seggiolino in auto. Con Isofix il seggiolino non si fissa semplicemente al sedile, ma diventa parte integrante della scocca dell’auto. Da febbraio 2006 tutte le vetture di nuova omologazione devono prevedere gli speciali agganci con i quali installare i seggiolini Isofix.

Sicurezza – Con tre punti di ancoraggio, Isofix è il sistema di ritenuta per bambini più efficace perché fissa il seggiolino al telaio della vettura, garantendo il massimo livello di trattenuta e protezione in caso d’incidente.

Praticità – Il seggiolino dotato di sistema Isofix si istalla in modo semplice e veloce, senza dover utilizzare le cinture dell’auto. Si riducono così al minimo i rischi derivanti da un montaggio non corretto.