Quantcast
BECCATO IL RAPINATORE CHE HA SVALIGIATO 'MEZZA' VELLETRI - Castelli Notizie
CRONACA

BECCATO IL RAPINATORE CHE HA SVALIGIATO ‘MEZZA’ VELLETRI

rapina tabaccheria velletri

La tabaccheria rapinata giovedì

E’ ormai psicosi vera nel centro di Velletri, da diversi giorni in preda a furti e rapine. Dopo la rapina della scorsa settimana nella prima Farmacia comunale, sita all’inizio del Corso della Repubblica, quello che si presumo essere un unico rapinatore ha fatto razzia in altri negozi. Lunedì nel tardo pomeriggio presi d’assalto, a distanza di mezzora l’uno dall’altro, prima la bottega di fotografia di Papacci, in via Fontana della Rosa, e poi un bar ad inizio del Corso della Repubblica. In entrambe le circostanze un uomo, piuttosto giovane, sulla trentina e dall’accento italiano e capelli castano chiaro, è entrato nell’esercizio commerciale con un coltello in mano, intimando al titolare di consegnargli l’incasso. Ottenuto il maltolto si è poi dileguato in fretta e furia, facendo perdere ogni traccia di sè. Di oltre 3000mila euro il bottino di quanto rubato nel bar-tabaccheria sito al civico 34. Sul posto, ancora una volta, i Carabinieri del Nucleo Operativo di Velletri, che hanno ormai avviato una vera caccia all’uomo, di concerto coi colleghi della Polizia.

Nella giornata di ieri, giovedì 2 febbraio, l’ennesimo colpo, messo a segno questa volta ai danni di una nota tabaccheria lungo il Corso, dopo piazza Cairoli, di fronte alle finestre del Liceo Artistico, in pieno pomeriggio. Identiche le modalità del colpo, col giovane che ha fatto irruzione nel locale facendogli consigliare l’intero incasso, prima di far perdere nuovamente le tracce. Ma l’ Arsenio Lupin veliterno non aveva fatto i conti con gli effetti del numero ‘S.O.S. Polizia’, istituito nelle scorse settimane e presentato dal vicequestore aggiunto Alfredo Luzi. Proprio una chiamata a quel numero ha permesso agli agenti di mobilizzarsi, riuscendo a braccare e bloccare l’uomo, che portava un cappellino ed un giaccone chiaro, nei pressi del Comune. Portato in Commissariato e perquisito è stato trovato ancora in possesso della refurtiva, ed arrestato in flagranza di reato, prima di essere riconosciuto anche da coloro che aveva rapinato nei giorni precedenti.

 

 

Più informazioni
commenta