Quantcast
MUSICA - A SOLI 48 ANNI MUORE WITNEY HOUSTON - Castelli Notizie

MUSICA – A SOLI 48 ANNI MUORE WITNEY HOUSTON

enhanced-buzz-32378-1329013012-14

‘IL BINOCOLO SUL MONDO’ – Ancora un lutto per il mondo della musica internazionale. A soli 48 anni la nota cantante (e sporadicamente attrice) statunitense Witney Houston, è deceduta al quarto piano di un hotel di Beverly Hills, a Los Angeles, proprio alla vigilia dei Grammy Awards. “Alle 15:55 ora locale (00:55 in Italia) Whitney Houston è stata dichiarata morta nel Beverly Hilton hotel!, ha aggiunto laconico il portavoce della polizia Mark Rosen. Le cause della morte sono ancora oggetto di indagine, ma non sembrerebbero esserci segni di violenza. La Houston, regina del pop-soul negli anni ’80-’90,  si trovava lì in vista di una serata organizzata proprio ai margine dei Grammy Awards, che si terranno stasera a Los Angeles. Vani i tentativi di rianimazione del personale dell’hotel, dopo che il suo compagno, il cantante Rai-J, aveva per primo dato l’allarme.

Witney era nata il 9 agosto 1963 a Newark, nel New Jersey. La madre Cissy era una cantante di gospel (il padre un militare) e Whitney era cugina della star pop Dionne Warwick e persino figlioccia della grande Aretha Fraklin. La sua splendida voce, con un’intensità e profondità con pochi eguali,  l’ha condotta  a soli 23 anni a vincere il Grammy, inizio di una carriera folgorante. Suo vanto anche l’aver avuto ben 7 singoli consecutivi piazzati al 1° posto della “Billboard Hot 100”, la classifica dei 100 singoli più venduti e più trasmessi dalle radio negli Stati Uniti, facendo meglio di tanti mostri sacri della musica mondiale, anche dei Beatles. 190 milioni i dischi venduti nella sua carriera, terminata anzitempo in una stanza d’albergo.

Nel suo carnet anche una parte di primo piano sul grande schermo, nel film “The Bodyguard”, dove recitò al fianco di Kevin Kostner, sua guardia del corpo (la colonna sonora del film, la celebre “I will always love you”, toccò le 45 milioni di copie vendute).

Negli ultimi tempi il decadimento era però stato repentino, e per alcuni la fine era ormai dietro l’angolo, quasi inevitabile. La sua splendida voce è stata subissata dai suoi problemi personali, esplosi nel 2006, quando il suo matrimonio col cantante Bobby Brown è  naufragato a 14 anni di distanza dal ‘si’ che si scambiarono proclamandosi amore eterno (i due hanno avuto una figlia, Bobby Kristina, nata il 4 marzo del 1993).  Invano ha provato a superare i momenti di depressione, in quel tunnel dal quale non è più uscita abusando di cocaina, marijuana e psicofarmaci. Nelle ultime esibizioni, nelle quali aveva provato a rilanciarsi, si era presentata in condizioni irriconoscibili, con lo sguardo spento e smagrito, rimediando persino fischi dai suoi fan, per una voce che, ormai, non era più la stessa.