Quantcast
LANUVIO, LA LISTA CIVICA VARA UN CODICE ETICO PER LE ELEZIONI - Castelli Notizie
POLITICA

LANUVIO, LA LISTA CIVICA VARA UN CODICE ETICO PER LE ELEZIONI

IMG_7077

Luigi Galieti durante la presentazione della Lista Civica 'Lanuvio per la Democrazia', a fine gennaio

“Trasparenza, legalità e responsabilità al centro del nostro progetto”. Questo l’incipit della lettera che il dottor Luigi Galieti, candidato a Sindaco per la Lista Civica ‘Lanuvio per la Democrazia’ ha appena diffuso ai mezzi di comunicazione, ai cittadini e agli altri contendenti che parteciperanno alla contesa elettorale delle Comunali di questa primavera.  

“Nel propormi come candidato Sindaco della nostra Città  – vi si legge -desidero rendere esplicito il mio impegno, e quello di tutti gli appartenenti alla Lista Civica, ad agire secondo principi di correttezza e trasparenza nel predisporre, illustrare e discutere, con la cittadinanza e con tutti coloro che ne avranno interesse, il programma di governo del paese. Il principio fondamentale che intendiamo seguire è quello di non anteporre mai interessi personali, di individui o di gruppi a quelli della collettività. Si replicherà che tale affermazione è una ovvietà. Probabilmente si tratta di una ovvietà solo in via teorica, poiché la pratica della politica in Italia ha troppo spesso dimostrato che l’interesse collettivo in più di un’occasione è stato posposto ad interessi personali. Nella realizzazione di tale obiettivo saremo aiutati dal fatto di essere sganciati da apparati di potere, che troppo spesso condizionano l’attività della politica anche a livello locale”.

Chiaro, in questo passaggio, il riferimento all’assenza di accordi, da parte dei civici, con partiti che facciano riferimento a simboli nazionali. Premesso ciò Galieti espone tutta una serie di principi cui, a suo dire, tutti gli appartenenti alla Lista Civica dovranno attenersi:

“•       l’azione della Lista Civica, sin da ora e durante la campagna elettorale, sarà pragmatica e realista;

•         a tal fine la Lista Civica impronterà la campagna elettorale su un programma contenente impegni realizzabili alla luce delle disponibilità di cassa del Comune, e pertanto non verranno promessi alla collettività opere e servizi privi della necessaria copertura finanziaria;

•         non accettare finanziamenti o risorse o favori da nessuno, se finalizzati a ottenere favori o risorse a spese dell’apparato pubblico;

•         non promettere favori finalizzati a ottenere appoggio nella campagna elettorale e voti nelle elezioni;

•         non promettere cariche, favori, risorse o aiuti dopo l’elezione in cambio di aiuti di qualsiasi natura, anche finanziaria;

•         essere disponibili a farsi carico dei problemi e delle necessità della comunità impegnandosi, in caso di elezione a Sindaco del candidato Luigi Galieti, ad affrontarli secondo i principi enunciati nel paragrafo seguente;

•         divieto assoluto per tutti gli iscritti simpatizzanti ed elettori della lista, sia durante la campagna elettorale sia successivamente, qualunque sia l’esito elettorale, ad utilizzare la denigrazione e l’attacco personale nei confronti degli avversari politici;

•         Tutti gli appartenenti alla lista civica impegnati nella campagna elettorale avranno come strumento utile durante la campagna elettorale solo la dialettica politica che dovrà essere attinente ai programmi elettorali.

•         fair play nei riguardi degli altri candidati”.

 

Dopo questo lungo elenco, Galieti fa poi riferimento ad “un codice etico del Sindaco e dei consiglieri eletti. In caso di successo elettorale – continua -,  il Sindaco, gli assessori ed i consiglieri eletti avranno il dovere di improntare la propria azione politica ai seguenti principi:

•         affrontare la soluzione dei problemi specifici con regole chiare, trasparenti e condivise al fine di garantire diritti e non privilegi;

•         garantire la difesa degli interessi della comunità senza subire condizionamenti e cedere alle richieste di colleghi, strutture, associazioni e organizzazioni varie che abbiano sostenuto in campagna elettorale la lista civica ed i suoi candidati;

•         non condizionare l’attività e le scelte in funzione di una successiva campagna elettorale di conferma o di future attività esterne;

•         non anteporre, e nemmeno confondere, interessi personali o di familiari, amici, singoli e gruppi a quelli dell’amministrazione;

•         concepire la carica elettiva con spirito di servizio nella consapevolezza della temporaneità delle stessa e capire che tale carica costituisce uno strumento finalizzato al miglioramento della qualità della vita di una comunità e non di singoli e gruppi di potere;

•         l’eletto deve ricordarsi di essere un cittadino temporaneamente impegnato in un ruolo politico organizzativo;

•         l’indennità di carica deve essere decorosa ma non sproporzionata rispetto al ruolo di primus inter pares e tale da diventare possibile motivazione alla candidatura.

“Nel caso della elezione a Sindaco di Luigi Galieti – si legge ancora nella nota diffusa da ‘Lanuvio per la Democrazia’-  fermi i principi sopra indicati, il Sindaco e tutti gli appartenenti alla lista civica si impegnano a realizzare un codice etico al quale dovranno fare riferimento tutti gli amministratori (Sindaco, assessori e consiglieri comunali). Tale  Codice Etico sarà approvato nella prima seduta utile del Consiglio Comunale e sarà il parametro di riferimento del comportamento della squadra di governo e dei consiglieri eletti. Nel rispettare quanto è previsto dalle leggi vigenti, non possiamo trascurare il valore aggiunto che deriva dalla accettazione di una serie organica di considerazioni etiche. Un Codice Etico è un punto di riferimento necessario per definire norme di comportamento che un buon amministratore si propone di adottare nelle relazioni interne ed esterne, ove non interviene la legislazione nazionale. Il Codice Etico non è un regolamento ma è un insieme di linee-guida ispirate a principi di correttezza, imparzialità e trasparenza. Temi quali il conflitto di interessi, il nepotismo, purtroppo palese in numerose amministrazioni locali, l’azione amministrativa dei politici locali troppo spesso condizionata dai vertici di partito con i conseguenti favori a singoli o gruppi di poteri, impongono la formulazione di regole che indirizzino l’azione amministrativa, i rapporti con la società civile, per la tutela degli interessi della collettività”.

Più informazioni