Quantcast
PALLAVOLO, LA LIBERTAS GENZANO ESPUGNA ZAGAROLO - Castelli Notizie
SPORT

PALLAVOLO, LA LIBERTAS GENZANO ESPUGNA ZAGAROLO

Luca_Roberti

Luca Roberti, 17 punti per lui

ZAGAROLO – LIBERTAS GENZANO 0-3 (20-25; 21-25; 26-28)

GSPD ZAGAROLO: Baldini Francesco, Baldini Luca, Carchedi (cap.), Cecconi, D’Ascenzi Daniele, D’Ascenzi Massimo, Perez, Pompei, Protani Emanuele, Protani Marco, Susca, Fiorentini (1° libero), Zagaria (2° libero) – All.: Cicerchia

LIBERTAS GENZANO: Roberti 17 , Renzetti 7, Ciccarelli (cap.), Mazzolena 9, Sanfilippo, Monti 1, Marinelli 6, Conflitti 8, Di Caprio, Fattori, Cesa, D’Andrea (1° libero), Bizzarri (2° libero) – 1° All.: De Sisto – 2° All.: Emili

Arbitri: Giuliano Mangosi di Velletri e Alessandra Apicella di Monterotondo.

Durata incontro: 1 ora e 26 minuti.

Non muta lo scenario nella zona alta della classifica del girone F della B2 maschile di pallavolo. Nella 19^ giornata di campionato infatti le prime quattro della graduatoria escono vincitrici dai rispettivi confronti. Con Tuscania ancora nettamente in testa con 6 lunghezze di vantaggio, Genzano (p.46), Casal Bertone (p.45) e Quartucciu (p.43), da settimane stanno dando vita ad una lotta serrata ed incerta per aggiudicarsi il secondo e terzo posto che valgono la qualificazione ai play-off di fine stagione. Quindi tre squadre gomito a gomito per due posti al sole. Probabilmente nelle ultime sette giornate della regular season il dilemma sarà risolto dai confronti diretti in programma in calendario. Ma passiamo al Genzano che sabato ha risolto a proprio favore la delicata sfida al Palarrigo di Zagarolo, campo notoriamente ostico nei suoi confronti. Castellani che hanno affrontato con ordine ed applicazione l’impegno contro la formazione degli ex Luca Cicerchia (in panchina) e Daniele D’Ascenzi (martello, in campo) che lotta con l’acqua alla gola per uscire dalle sabbie mobili della zona retrocessione e quindi animata da sacro furore agonistico, specie davanti al pubblico di casa. Ma i ragazzi di De Sisto hanno saputo approcciarsi al meglio in quest’ambiente ed alla fine, sia pur con fatica, hanno riportato in Via della Selva quei tre punti necessari per rimanere al passo con le rivali. Ex del confronto, oltre ai due che militano nello Zagarolo sopra citati, anche Di Caprio, D’Andrea e Conflitti che ora vestono la maglia dei castellani e che negli anni passati hanno giocato nelle file dei gabini. Genzano scende in campo con la consueta formazione con le diagonali Monti-Roberti, Renzetti-Conflitti, Mazzolena-Marinelli e D’Andrea libero, schieramento che anche stavolta rimarrà invariato per tutta la durata del match. Avvio in sostanziale equilibrio: i locali sull’abbrivio iniziale sono avanti al primo tempo tecnico (8-6), poi sul 10 pari si ricompone la parità, poi sono gli ospiti ad operare il sorpasso (13-16 alla 2^ sosta tecnica). Sul 14-20, Emanuele Protani rileva Massimo D’Ascenzi al centro della formazione di casa. La forbice di punti è sufficiente agli ospiti per chiudere a proprio favore il primo set con un attacco vincente di Luca Roberti. Nella seconda frazione i biancazzurri dei Castelli partono spediti e conducono le danze. Cicerchia getta nella mischia Perez sul 7-9 e prova a mischiare le carte, ma non produce sostanziali effetti. Genzano fa suo anche il secondo gioco per 21-25 con un mani-fuori di Roberti ed un errore di attacco in 1° tempo dei locali. Terzo set più avvincente per lo scorrere del punteggio: consueto avvio degli atleti ospiti, decisi a chiudere i giochi. Ma sul 4-8 arriva un improvviso black-out tra i biancazzurri di De Sisto che subiscono un allarmante parziale di 6-0 e permettono ai gabini di superarli nel punteggio (10-8) e rientrare in partita. Un time-out ed una scossa dalla panchina consentono però alla seconda in classifica di riordinare le idee e di tornare sul rettangolo di gioco più concentrata. Sull’11-11 la parità e raggiunta, poi arriva l’allungo (13-16) e poi ancora un nuovo aggancio (18-18). Si avanti punto a punto, a strettissimo contatto di gomito, con avanti ora l’una ora l’altra compagine. Zagarolo che tenta il tutto per tutto, sotto la spinta della parte di tribuna amica: 21-19. Poi 22 pari ed ancora 24-22, con 2 palle set a favore dei locali per riaprire l’esito finale. Ma due invasioni consecutive fischiate ai colori di casa fanno svanire l’illusione momentanea e quindi si va ai vantaggi. 24-25 firmato dalla parallela di Roberti, la battuta di Marinelli si ferma sulla parte alta del nastro: 25-25. Altra opportunità per i padroni di casa annullata dal mani-fuori dell’opposto ospite (alla fine 17 punti per lui). Un muro-punto dello stesso “Prof.” Roberti ed un diagonale vincente di Marco Mazzolena da posto 2 chiudono il bel confronto, tra la soddisfazione dei genzanesi e la delusione di giocatori e pubblico locali. Buono l’arbitraggio. Sabato prossimo alla ”Marchesi” arriva l’Orte. L’avventura continua.

DANILO MANCINI               

Più informazioni