Quantcast
FESTA DELLE CAMELIE, IL BILANCIO DELL'ASSESSORE GUGLIELMI - Castelli Notizie
Attualità

FESTA DELLE CAMELIE, IL BILANCIO DELL’ASSESSORE GUGLIELMI

l'assessore Guglielmi insiema a tutti i relatori

I convenuti alla conferenza sul bilancio della 18^ Festa delle Camelie

 

di Maria Rita Cappucci

L’abbiamo aspettata, presentata, seguita e poi recensita. E’ stata una Festa delle Camelie in grande stile quella appena andata in cascina e a qualche giorno dalla chiusura del sipario abbiamo assistito nella sala Garibaldi del Comune di Velletri alla conferenza stampa convocata proprio per tracciare un bilancio.  Una conferenza voluta dall’Assessore alla Valorizzazione dei Prodotti Tipici, Carlo Guglielmi, accanto al quale hanno preso parte alcuni dei principali ideatori di questa 18^ edizione dedicata alla cultura giapponese: sul tavolo dei relatori, oltre all’assessore Guglielmi, l’artista Sergio Gotti, ideatore della scenografia allestita lungo tutto il Corso nelle piazze principali, Mavi Santarelli, responsabile delle relazioni con gli artisti giapponesi,  e ad Enrico Scianca, titolare delle Camelie del Generale.

Di soddisfazione le parole di Carlo Guglielmi: “da questa 18^ edizione – ha esordito – emergono due punti fermi: la Villa Ginnetti si consolida come la sede più adatta per il centro delle festa e la visita ai giardini privati resta una peculiarità che caratterizza questa manifestazione rispetto ad altre simili”. Non è mancato un ricordo di Ettore Rolando, fondatore dell’azienda “Le camelie del generale”.

Non è mancato un grido di dolore per gli episodi di vandalismo che hanno danneggiato e distrutto alcune pagode, compromettendo decisamente lo straordinario allestimento scenografico congegnato insieme a Gotti. “Dobbiamo unirci contro queste barbarie – ha chiosato sdegnato Carlo Guglielmi – perchè il nostro infaticabile impegno per una Velletri diversa non può essere compromesso da questi comportamenti incivili”.

Nonostante questa nota dolente ottimo il bilancio delle festa, con grande successo di pubblico, testimoniato anche dal pienone nell’area di sosta riservata ai camper. Risultati eccezionali per una due giorni costata 29mila euro, di cui 4mila finanziati dalla Banca Popolare del Lazio, main sponsor dell’iniziativa. “Abbiamo speso un terzo rispetto agli anni passati – ha sottolineato con orgoglio Guglielmi – e siamo comunque riusciti a fare una bella manifestazione”.

Prossimo appuntamento con la Sagra del Carciofo alla Matticella, prevista tra fine aprile ed inizio maggio.

Più informazioni