Quantcast
Velletri, in Comune la festa del Giardino di Archimede. Sabato l'Open Day in via di Cori - Castelli Notizie

Velletri, in Comune la festa del Giardino di Archimede. Sabato l’Open Day in via di Cori

L'intervento del Presidente Luca Bastianelli

Doveva essere un giorno di festa e di dibattito e tale si è rivelato quello di giovedì per la Cooperativa sociale ‘Archimede’, impegnata a festeggiare il decennale del ‘Giardino di Archimede’, la creatura sbocciata nel settembre del 2001 dal fattivo apporto di Luca Bastianelli. Proprio il presidente della Cooperativa ha dato il là al pomeriggio passato all’interno del Palazzo comunale, sede pregiata per un evento che si incastona tra le tante celebrazioni di questo anno così speciale. Un anno che è servito anche come trampolino verso nuove sfide, ed è per questo che alla presentazione multimediale di tutto quanto fatto nei primi 10 anni si è affiancata la carrellata di nuove idee da apportare per l’immediato futuro. Stesso entusiasmo di allora, comune denominatore di chi ha sempre nel bene del bambino il suo scopo primario.

Riannodati i fili della memoria è stato facile, per Bastianelli, sottolineare come il Giardino di Archimede sia <<diventato un punto di riferimento importante per la fase educativa che va dai 3 mesi ai 6 anni. Siamo partiti come nido – ha dichiarato – implementando poi il tutto con la scuola dell’infanzia>>. Spolverati i prodromi del progetto, che traggono linfa dal mondo degli scout e dall’associazione Albatros, antesignana al Giardino, si è arrivati all’estrema attualità, <<che – è stato ancora una volta Bastianelli a sottolinearlo – si sposa alla perfezione con la metodologia montessoriana, che il nostro centro ha con orgoglio sposato>>. Un servizio di rete, quello offerto dalla Cooperativa, che si relaziona coi servizi sociali, con la pubblica istruzione, con la Asl e con, tra le altre, realtà come la Colle degli Dei Sporting Village, la Fortitudo,  gli Scout CNGEI e ik consorzio Gescon.

<<Una volta fatta la nostra conoscenza è difficile, quasi impossibile, che qualcuno vada via – ha dichiarato con estremo orgoglio Bastianelli -; è per questo – ha aggiunto – che abbiamo organizzato anche un servizio di post scuola, con corsi di musica, inglese e yoga>>.

Tra i servizi offerti ricordiamo l’asilo nido, la scuola dell’infanzia, il servizio di prevenzione e sostegno per l’età evolutiva, l’assistenza socio-educativa, i laboratori esperenziali di arteterapia, corsi di formazione, animazioni e feste. La chicca è dietro l’angolo e si chiamerà Borgo di Archimede, <<un luogo all’interno della città dove ospiteremo tutta un’altra serie di servizi, a partire da una casa famiglia per minori di 6/14 anni ed un servizio di prevenzione e sostegno dell’età evolutiva. Vi saranno gruppi di arteterapia, laboratori rivolti a minori e giovani adulti, psicologia giuridica, area formazione e area legale”.

A Nicoletta Cola, formatrice montessoriana, il compito di spiegare i punti di forza del Metodo Montessori, che sarà senz’altro un nuovo punto di forza della struttura sita in via di Cori, 54. Il metodo si basa sull’indipendenza e sul rispetto per il naturale sviluppo psicologico del bambino. Tra gli elementi principali della teoria vi sono la scelta dello studente all’interno di una gamma di opzioni prestabilite di attività da svolgere e un modello costruttivista in cui gli studenti imparano il concetto di lavorare con gli oggetti.

Dopo l’intervento della psicologa Antonella Di Marco, dell’associazione  ‘Montessorinpratica’ si è passati agli interventi di alcuni insegnanti del Giardino, Federica Aliquò, Ilaria Caporro e Simona Montellanico, che hanno brillantemente ed esaustivamente presentato le attività quotidiane all’interno del centro.

Ha completato il pomeriggio la visione della mostra ‘Ambienti montessoriani’, durante la quale poter saggiare ‘de visu’ uno spaccato di quanto presente nel Giardino di Archimede.

Dopo l’appuntamento di giovedì  si continua anche sabato 31 marzo con l’Open Day, organizzato proprio presso la sede di via di Cori 54 (dalle 10.30 alle 17.30), anche questo finalizzato a promuovere una maggiore conoscenza sul territorio della metodologia educativa montessoriana. Tra aprile e maggio ancora due appuntamenti da non perdere per i genitori dei bimbi, uno basato sull’esigenza di capire l’aggressione nella prima infanzia e l’altro sull’alimentazione e il benessere dei piccini.

 

Più informazioni