Quantcast
Libri di testo e mensa scolastica: Marino si è organizzata così - Castelli Notizie

Libri di testo e mensa scolastica: Marino si è organizzata così

scuola

 

Scadranno il 27 giugno i termini di presentazione, al Protocollo generale del Comune di Marino e alla circoscrizione Santa Maria delle Mole, delle richieste di contributi economici per l’acquisto di libri di testo o l’esonero del pagamento della mensa scolastica relativi all’anno scolastico 2013/2014.

Gli stessi verranno rilasciati, in base alle modalità stabilite con determinazione n. 96 del 9 aprile scorso, nei limiti delle risorse disponibili. Nell’avviso, scaricabile dall’home page del sito istituzionale www.comune.marino.rm.it, sezione Notizie al Cittadino, gli interessati sono invitati a produrre domanda sugli appositi moduli disponibili presso gli sportelli di front office dei Servizi Sociali e sul sito.

Il bando è riservato alle famiglie di studenti residenti a Marino iscritti alla scuola di primo e secondo grado, con una situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 11mila euro. Sempre per il 27 giugno sono fissati i termini di presentazione delle domande relative all’esonero mensa per l’anno scolastico 2013/2014 in favore delle famiglie con minori diversamente abili che frequentano la scuola di 1° e 2° grado (elementari e medie). Possono accedere al beneficio tutti gli studenti diversamente abili residenti nel Comune di Marino, in possesso di certificazione medica rilasciata ai sensi articolo 4, legge 104/92. Anche per loro la necessità di produrre domanda sugli appositi moduli disponibili presso gli sportelli di front office dei Servizi Sociali e sul sito.

“L’Amministrazione – sottolinea l’assessore ai Servizi Sociali Remo Pisani – nonostante i tagli significativi del Governo centrale, pone l’impegno economico per il sociale quale elemento fondante la sua politica in favore del territorio. Il nostro progetto, quello della Marino Solidale che negli ultimi anni ha aumentato in maniera considerevole le risorse a disposizione della comunità, vede nell’Istituzione il suo punto di raccordo e riferimento per i cittadini. In nome di dialogo e contatto costante finalizzato a sempre meglio conoscere e interpretare le necessità del sociale e verificare le potenzialità strategiche dei servizi offerti dal settore. Per fornire risposte sempre più immediate”.