Quantcast
La Meloni (Fratelli d'Italia) a Velletri. Di Luzio: "con lei nuove idee per rilanciare Velletri" - Castelli Notizie
POLITICA

La Meloni (Fratelli d’Italia) a Velletri. Di Luzio: “con lei nuove idee per rilanciare Velletri”

Giorgia Meloni e Dario Di Luzio

La campagna elettorale entra sempre più nel vivo, mentre mancano pochi giorni al voto siamo andati a sentire le idee e i propositi di Dario Di Luzio, candidato con la lista di Fratelli d’Italia di Giorgi Meloni, che questa mattina è stata a Velletri presso i giardini di Viale Marconi, dove ad attenderla c’erano centinaia di cittadini che l’hanno a lungo applaudita. Trentasei anni, da poco compiuti, Di Luzio, oltre ad essere da diversi anni giornalista iscritto all’Ordine professionale, lavora dal 2000 con grandi società nel settore dei servizi con un ruolo ispettivo e di coordinamento gestionale. La politica per lui, come ha più volte evidenziato, è soprattutto passione e voglia di contribuire a migliorare la città dove da sempre vive, il tutto proponendo idee e soluzioni.

Giorgia Meloni con Dario Di Luzio

Iniziamo con una domanda prettamente politica, perché ha scelto di candidarsi con Fratelli d’Italia?

“Ho deciso di aderire al movimento politico guidato da Giorgia Meloni e Guido Crosetto perché ho subito trovato persone che come me vogliono impegnarsi in prima linea per migliorare e far crescere le nostre città e la nostra nazione. In poche settimane Fratelli d’Italia ha “scaldato” i cuori di tanti connazionali e anche a Velletri sono giunti molti consensi, poi è arrivata anche l’elezione come Consigliere Regionale del veliterno Giancarlo Righini e questo mi ha reso molto felice, se lo merita un ruolo così importante e dalla Regione potrà dare un grosso aiuto alla crescita della nostra città”.

 

Passiamo ora ad aspetti più locali, qual’è il suo programma per la Velletri del futuro?

“Il mio programma è frutto di un lavoro congiunto e costante portato avanti insieme ad uno splendido gruppo di amici (NpS). Con piacere ho appreso che la gran parte dei temi e delle soluzioni da noi evidenziati sono diventati prima parte consistente del programma elettorale di Fratelli d’Italia e poi hanno trovato ampio spazio in quello condiviso dell’intera coalizione di centro-destra. Questo programma nasce da una lunga serie di incontri e momenti di confronto con diversi gruppi di persone. Parliamo di ambiente e tutela del territorio, dell’importanza del decoro urbano, della delicata questione sicurezza e sanità, della salvaguardia e tutela della famiglia, poi dei servizi sociali oltre a tanti altri aspetti che hanno tutti un filo comune: migliorare la vivibilità della nostra città. Velletri deve valorizzare di più le sue potenzialità, servono nuove idee e sinergie per rilanciarla concretamente”.

 

Avete lavorato molto sulla questione della valorizzazione dei prodotti tipici, cosa intende fare?

“Con precisione abbiamo proposto diverse interessanti idee sulla questione legata allo sviluppo economico e alle attività produttive, dove trovano spazio proprio i nostri prodotti tipici o meglio le bontà che Velletri offre. Crediamo che sia molto importante promuovere i prodotti della nostra terra, tutelare le aziende agricole, e far si che da qui possa passare gran parte del futuro di questa città, serve lavorare anche per il riconoscimento dei marchi di qualità e per una promozione capillare e calibrata di quanto prodotto. Per rilanciare il nostro centro storico invece vanno riviste le tariffe dei parcheggi a pagamento, ora troppo onerose, creare poi nuove aree sosta oltre a mettere insieme molteplici iniziative ed attività necessarie per una ripresa del commercio e della città tutta”.

 

E’ sua anche l’idea del progetto “Cesare Ottaviano Augusto ambasciatore di Velletri” di cosa si tratta?

“Si esattamente, con il mio gruppo ci stiamo lavorando da diverso tempo e con orgoglio la stiamo portando avanti. E’ provato che il grande imperatore, scelto da Giulio Cesare come suo successore, abbia trascorso gran parte della sua infanzia e giovinezza nella villa di famiglia situata nel territorio veliterno, Cesare Ottaviano Augusto è quindi a tutti gli effetti un cittadino di Velletri. Sarà lui il nostro ambasciatore. Il progetto prevede di abbinare la figura dell’illustre imperatore alla città di Velletri, ai suoi prodotti tipici ed al suo territorio, questo organizzando molteplici iniziative nel settore storico-culturale e anche come sviluppo economico che facciano appunto da volano per la promozione e la crescita della città”.

 

Un’ultima domanda riguarda la Velletri Servizi (ex Azienda Speciale) che si prevede per la società municipalizzata?

“Io credo che la Velletri Servizi sia un valore aggiunto per la città di Velletri e dovrà essere sempre più produttiva e competitiva, questo acquisendo anche ulteriori servizi. Contrariamente a chi crede e dice che sia soltanto un “postificio”, convinzione che viene però sbandierata soltanto quando si è all’opposizione, io credo fermamente che una Velletri Servizi più competitiva possa contribuire a rendere migliore la città tutta, per far questo serve un management altamente qualificato che sia in grado di far crescere l’azienda e migliorare la sua immagine verso l’esterno. Un aspetto molto importante è poi quello legato alle farmacie comunali che devono rimanere nella gestione diretta della stessa Velletri Servizi, non vanno quindi assolutamente vendute. Senza dimenticare la questione di individuare una sede idonea, sia per i tanti utenti che quotidianamente vi si recano per usufruire dei servizi, che per i dipendenti che hanno diritto a spazi adeguati dove lavorare”. 

Più informazioni