Quantcast
Ciampino, 2 arresti e 1 denuncia nelle Case Popolari - Castelli Notizie
CRONACA

Ciampino, 2 arresti e 1 denuncia nelle Case Popolari

DSC_0002

Nella giornata di giovedì personale del Commissariato Distaccato di Polizia di Albano e della Polizia Locale di Ciampino, con l’ausilio di unità cinofile, ha portato a termine un articolato servizio di polizia nell’area di Via Lisbona, al termine del quale  sono state tratte in arresto in flagranza 2 donne, madre e figlia di 60 e 38 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, e denunciato in stato di libertà un uomo di 32 anni per detenzione di stupefacenti.

L’operazione congiunta dei due uffici, che hanno incrociato le loro investigazioni, si inserisce in un più vasto progetto di monitoraggio complessivo della vasta area adibita a edilizia popolare e  degli occupanti di fatto,  con un contrasto mirato a personaggi gravitanti anche nell’area dei Castelli Romani e di Ariccia dediti allo spaccio di stupefacenti, nonché di altre attività illecite nel vasto comprensorio delle case popolari di Ciampino, dall’occupazione abusiva di alloggi ai reati di microcriminalità, in prevalenza contro il patrimonio.

Il quantitativo di stupefacenti veniva rinvenuto in due distinti momenti allorquando gli investigatori, incrociando le loro indagini, fermavano un parente delle due donne, noto pregiudicato, iniziando le perquisizioni domiciliari  ai due alloggi popolari di Via Lisbona dove, grazie al fiuto dei cani, venivano scovate le sostanze stupefacenti pronte per la vendita e il consumo, nonché tutto l’occorrente per la pesatura e il frazionamento.

Nel corso  dell’attività non è sfuggito il tentativo di un noto pregiudicato di disfarsi di alcune dosi che aveva in tasca. L’uomo, fermato da Agenti in abiti civili, è stato denunciato in stato di libertà. Le due donne arrestate per detenzione ai fini di spaccio di droga sono state processate per direttissima venerdì mattina dal Tribunale di Velletri, che ha convalidato gli arresti condannandole entrambe ad una pena di un anno di reclusione, con la sospensione condizionale.

Più informazioni