Quantcast
Ciampino - Lavoratori in rivolta, contro licenziamenti e privatizzazione - Castelli Notizie
Attualità

Ciampino – Lavoratori in rivolta, contro licenziamenti e privatizzazione

USB_01

 

Gremita e partecipata l’assemblea indetta mercoledì sera dall’Usb e dalla Flaica nella sala consiliare del comune di Ciampino, contro i 30 licenziamenti avviati dall’ASP (Azienda Servizi Pubblici) e il trasferimento della gestione dei nidi comunali ad una ditta appaltatrice. I lavoratori hanno ricevuto la solidarietà dei genitori accorsi numerosi per contestare la decisione di privatizzare i nidi, un servizio educativo fondamentale per la vita delle famiglie del territorio e che vogliono continui ad essere gestito dall’amministrazione comunale.

“L’importante presenza di lavoratori e cittadini – dichiara Maria Teresa Pascucci, Usb Roma e Lazio – ha indotto il Sindaco e l’Assessore al Bilancio ad essere presenti e a dover ricevere la forte richiesta di ritirare immediatamente la procedura di licenziamento e di sospendere l’aggiudicazione della gara – continua Pascucci -. E’ necessario aprire un tavolo per valutare tutte le soluzioni possibili e garantire che non si perda neanche un posto di lavoro assicurando al contempo la continuità dei servizi pubblici”.

“Il sindacato, i lavoratori e i cittadini hanno ottenuto l’impegno del sindaco e dell’Assessore a ricercare soluzioni per impedire la perdita di posti di lavoro. Poiché però – sottolinea la sindacalista Usb – non hanno recepito la richiesta di revocare i provvedimenti, si è deciso di dare vita ad un percorso di mobilitazione, che inizia già dai prossimi giorni con un presidio permanente davanti al Municipio e con iniziative volte a sensibilizzare la cittadinanza di Ciampino. C’è sicuramente disponibilità dei sindacati di base ad affrontare a 360° tutte le problematiche che riguardano la crisi aziendale ASP con proposte e possibili soluzioni condivise con i lavoratori, ma questa disponibilità non può avere come punto di partenza il ricatto dei licenziamenti”.

“L’amministrazione locale ha il dovere di tener conto della volontà degli abitanti del territorio e dei lavoratori, che non hanno avuto in questa decisione nessuna voce in capitolo – conclude Pascucci –. Porteremo inoltre la lotta dei lavoratori Asp fino in Regione, durante la manifestazione indetta da USB del 10 luglio prossimo. La Giunta Zingaretti non può ignorare il problema, visto anche che tra i consiglieri di maggioranza siede l’ex sindaco Lupi che ha lasciato ai cittadini di Ciampino il problema della crisi di ASP”.

Più informazioni
commenta