Quantcast
Anche 'Castelli Notizie' ad Expo 2015 nel giorno dei Castelli Romani alla vetrina mondiale per le eccellenze - Castelli Notizie
Attualità

Anche ‘Castelli Notizie’ ad Expo 2015 nel giorno dei Castelli Romani alla vetrina mondiale per le eccellenze

IMG_3071

IMG_3072di Michela Emili

C’erano il Parco dei Castelli Romani, la Comunità montana dei Castelli Romani e prenestini, molti sindaci castellani e il più alto rappresentante per il turismo della Regione Lazio, Giovanni Bastianelli, ieri, all’interno del padiglione Italia di Expo 2015.

E c’eravamo anche noi all’appuntamento organizzato dai due Enti intercomunali e dal progetto europeo “Life Go Park”, che ha portato i Castelli Romani sul palcoscenico mondiale attraverso il focus sul turismo culturale ed enogastronomico. Ben rappresentati i Castelli romani, sullo sfondo del video spot di Visit Lazio, con ben l’11% dei prodotti del paniere delle eccellenze scelti dalla Regione Lazio per essere protagonisti dell’esposizione mondiale sul cibo e la tutela ambientale. Tutto intorno vedute tridimensionali sui panorami verdi e disincantati dei luoghi castellani.IMG_3061

“Spesso ci dimentichiamo di comunicare che il territorio dei Castelli romani è un concentrato di storia e di eccellenze, ed ora questa opportunità ci consente di farci conoscere a livello mondiale”  è stato l’intervento  di Bastianelli, direttore dell’Agenzia regionale per il Turismo, facendo da moderatore tra i vari interventi che a carrellata si sono susseguiti, prima di passare alla degustazione di alcuni prodotti tipici, tra cui la porchetta di Ariccia, il Giglietto di Palestrina e il Cannellino di Frascati.   

IMG_3073“Da soli non si va da nessuna parte – ha continuato Bastianelli -. Nel Lazio abbiamo offerte diversificate, che vanno dalla montagna al mare, e svariate offerte turistiche che devono essere collegate tra loro per costituire un sistema integrato”.

“E’ giusto che anche i Castelli romani dessero un segnale della loro presenza in questa importantissima occasione – è intervenuto il presidente dell’XI Comunità montana, Giuseppe De Righi -, che dà senso al lavoro che svolgiamo tutti i giorni nel promuovere il nostro territorio”.
“Questa è la squadra che  può vincere la sfida della valorizzazione turistica dei Castelli” ha affermato ancora De Righi, guardando alle istituzioni presenti e sottolineando la capacità di fare collaborare insieme.   

“Mi piace ricordare che il Parco dei Castelli romani, istituito da 31 anni, è stato l’unico richiesto a gran voce dalla cittadinanza con una raccolta firme – ha detto il commissario, Sandro Caracci -. E’ un territorio difficile perché fortemente antropizzato, ma siamo attivi nella difesa della biodiversità con risultati apprezzabili. Dopo 50 anni, ad esempio, ai Castelli romani è tornata l’aquila”.

E’ toccato poi al direttore del Parco, Maurizio Fontana, presentare il progetto Life Go Park, di cui è project manager, nato per divulgare la conoscenza dei parchi e delle loro attrattive, anche mediante percorsi educativi nelle scuole. “Da un’indagine preliminare che abbiamo condotto – spiega Fontana -,    risulta che in pochi sono a conoscenza delle aree protette, e ancor meno delle Aree Natura 2000, ossia zone di protezione riconosciute dall’Unione Europea, 2.300 in tutta Italia, in base alle direttive: Habitat e Uccelli. Ebbene il 10% di questi siti si trova nel Lazio e 4 all’interno del nostro Parco”.

“Life Go Park” è anche il nome di un app creata per far conoscere i parchi, gli itinerari e il calendario degli eventi. Completamente gratuita, l’app è scaricabile direttamente dal sito internet dedicato al progetto e permette di avere sempre a disposizione notizie utili per vivere le aree verdi.

 

IMG_3071GLI INTERVENTI DEI SINDACI – E poi è stata la volta dei sindaci, ognuno intento a promuovere la propria città, sempre però con uno sguardo d’insieme.

“Abbiamo puntato sul Catone Film Festival, rassegna di cortometraggi, per puntare sulla vocazione cinematografica del nostro territorio – ha esordito il sindaco di Monte Porzio Catone, Emanuele Pucci -. Abbiamo la mostra delle orchidee che quest’anno ha avuto l’onore di ospitare anche il ministro Franceschini, segno di un’attenzione sempre maggiore verso l’evento, a livello nazionale”. Uno sguardo, poi, d’obbligo è andato al Bargo Borghese e alla sua rilevanza archeologica ancora tutta da scoprire.

Ricchezze archeologiche e la tradizione vitivinicola sono stati i punti di forza dell’intervento del sindaco di Colonna, Augusto Cappellini, unitamente al veloce collegamento sui binari con Roma.

“Esteso per 8 ettari a Nemi abbiamo uno dei templi più grandi d’Europa – ha esordito il vicesindaco del Comune delle fragole, Edy Palazzi, in riferimento al complesso archeologico di Diana nemorense -. Una convenzione con l’Università ci consente ogni anno di impiegare negli scavi studenti volontari, che ci permettono di scoprire ogni volta qualcosa di nuovo”. Nemi, che ha fatto delle fragole un brand, gode ora di un riconoscimento nazionale ed oltre per tutto l’indotto creato intorno a questo frutto, dalla sagra delle fragole al fragolino, per arrivare alla fragola d’oro (una vera fragola ricoperta di oro e trasformata in gioiello). E poi ancora, come non citare Caligola e il Museo delle Navi romane, o ancora il riconoscimento di Comune Bandiera Arancione del touring club.

“Ringrazio il Parco e la Comunità Montana per l’aiuto che ci danno nel comunicare e far conoscere le nostre ricchezze, che sono davvero tante – ha detto il sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia -. La mia città ha una tradizione congressistica molto importante, su cui puntare, ha avuto l’onore di accogliere la fondatrice del Movimento dei Focolari, Chiara Lubich, così come numerosi personaggi del panorama cinematografico e culturale, uno fra tutti Pirandello, che proprio a Monte Cavo ha scritto L’Esclusa”. Parlando della vetta più alta dei Castelli romani non poteva non fare accenno il primo cittadino roccheggiano alla battaglia che da anni si sta svolgendo per delocalizzare le antenne radio televisive, con la recente ordinanza del Consiglio di Stato che ha intimato alle reti Mediaset di lasciare il sito entro sei mesi perché in assenza di titoli autorizzativi.

Da ultimo è stata Francesca Neroni, consigliere delegato alla Cultura di Frascati a presentare la sua città: “Frascati è l’immagine del vino nel Mondo, e con 39 ettari aggiuntivi di vigne stiamo reinvestendo sul settore vitivinicolo, puntando sulla qualità del prodotto – sottolinea la consigliera  –. In programma, inoltre, la manifestazione Cineceniamo a Frascati, in concomitanza con il Festival del Cinema di Roma, come elogio alla grande tradizione cinematografica della città e ai tanti personaggi ospitati dai nostri locali”.
Un progetto ministeriale starebbe puntando, inoltre, a far rivivere il vecchio tram di collegamento tra i vari Comuni e il Tuscolo, sito archeologico di inestimabile valore.

Tanto entusiasmo e tanta voglia di riscatto, di dare ai Castelli romani il giusto riconoscimento, insieme e in maniera diversificata rispetto alla vicinissima Capitale. Tante le opportunità offerte, dal turismo enogastronomico a quello sportivo, che devono essere messe a sistema per attirare i turisti e spingerli a prolungare la loro permanenza a due passi da Roma. Se ne è parlato ad Expo 2015, mentre attorno scorreva il mondo intero.

 

expo 2015_2
expo 2015_3
expo 2015_4
expo 2015_7
expo 2015_8
expo 2015 _5
expo 2015 _6
expo 2015 _7
expo 2015 _9
expo 2015 _10
expo 2015 _11
expo 2015 _12
expo 2015 _13
expo 2015
IMG_3077
IMG_3069