CRONACA

Ariccia – Suicidi a raffica: anche uno scultore romano si getta dal Ponte

Polizia Mortuaria Ponte

Scientifica Ponte Ariccia

Suicidio AricciaAncora un lancio disperato nel vuoto alla ricerca della morte, che vede ancora una volta, e sempre più spesso nell’ultimo periodo, il ponte di Ariccia come meta e trampolino verso l’ultimo viaggio. Nella mattinata di oggi un uomo di 40 anni, giunto da Roma con la sua auto, è salito sul cornicione del ponte monumentale per poi gettarsi di sotto, mettendo fine alla propria vita.

Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Albano, la polizia scientifica di Velletri e i Vigili Urbani di Ariccia.

All’origine dell’insano gesto sembrerebbe esserci la scoperta di una grave malattia, accompagnata da un forte stato depressivo dell’uomo, un noto noto scultore romano, che lascia la moglie e un figlio.

Il corpo dell’uomo è stato trovato all’interno del parcheggio sottostante il ponte e il tragico volo, una volta aver superato il cornicione e la rete metallica, è stato seguito in tutta la sua drammaticità da un operatore ecologico che ha subito allertato i soccorsi.

Poco dopo il cadavere dell’uomo è stato rimosso dalla Polizia mortuaria e trasferito al Policlinico Tor Vergata per gli esami disposti dal Magistrato.

Solo cinque giorni fa a gettarsi dal ponte era stato un 24enne, e qualche tempo prima una madre con suo figlio. Episodi amari che rafforzano l’alone di disperazione che aleggia intorno al ponte di Ariccia, che vede così tristemente aumentare il bilancio dei suicidi.