Quantcast
Genzano - Torna finalmente la luce alla stazione di San Gennaro - Castelli Notizie
Attualità

Genzano – Torna finalmente la luce alla stazione di San Gennaro

stazione san gennaro (1)

stazione san gennaro (1)E’ stata finalmente ripristinata l’illuminazione presso la stazione di San Gennaro, a Genzano. Dopo le continue lamentele dei cittadini e le richieste inviate dall’Amministrazione comunale a Ferrovie dello Stato, è giunta una risposta concreta da parte della proprietà.

Sebbene la mancanza di punti luce, sia nel parcheggio che lungo i binari, non fosse l’unica criticità riscontrata dai cittadini, il ritorno dell’illuminazione di certo diminuisce il disagio avvertito soprattutto dalle studentesse nel ritrovarsi completamente avvolte dal buio una volta scese dal treno.

Proprio del persistere delle condizioni di abbandono della stazione genzanese si era parlato nel corso dell’ultima adunanza consiliare, a seguito della mozione presentata dal consigliere Paolo Previtali. In quell’occasione in sindaco Flavio Gabbarini aveva esplicitato senza mezzi termini la necessità di passare a forme di protesta maggiormente incisive, per scongiurare la possibilità che la stazione possa andare incontro alla chiusura.

“Non vorrei che dietro questa assenza e la mancata manutenzione – aveva dichiarato Gababrini – ci sia la volontà di chiudere la stazione a Genzano. Non vorrei – ha continuato – che lo stato di abbandono serva ora a scoraggiare i pendolari, per poter poi arrivare a dire che la stazione non serve perché è poco utilizzata”.

Mentre dunque è tornato a farsi strada lo spauracchio di un’improvvida chiusura, già paventata nel 2013, quando Trenitalia aveva deciso che la stazione di San Gennaro sarebbe rimasta attiva solo per i treni in partenza per Roma Tuscolana, costringendo i genzanesi a fare riferimento alla stazione di Ciampino e acuendo i disagi di una tratta che di certo non brilla in efficienza, la proprietà è corsa ai ripari, almeno per ciò che riguarda l’illuminazione.

Rimane ora la necessità di procedere alla manutenzione del verde, sempre più incolto, oltre che alla sistemazione dell’impianto sonoro, utile per avvertire dell’arrivo del treno.

  Michela Emili

commenta