Quantcast
Monte Compatri - I vertici del Pd rivendicano il successo sul trasporto pubblico - Castelli Notizie
POLITICA

Monte Compatri – I vertici del Pd rivendicano il successo sul trasporto pubblico

conferenza pc montecompatri tpl

conferenza pc montecompatri tplSi è svolta ieri la conferenza  riguardante il miglioramento del trasporto pubblico locale grazie ad una linea di navette che collegherà la città di Monte Compatri con Colonna e con la metro C.

A tenere questa conferenza, organizzata dal Pd di Monte Compatri, rappresentato dal segretario Fausto Bassani, presso l’edificio Controluce Point, c’erano:  il sindaco di Colonna Augusto Cappellini,  l’assessore ai trasporti della Regione Lazio Michele Civita, il Senatore Bruno Astorre e il Presidente del Consiglio regionale del Lazio Leodori.  Presente anche il sindaco di Rocca Priora Damiano Pucci.

Questo progetto, che si è avverato grazie ai fondi stanziati dalla Regione Lazio – che ha messo ha disposizione dei comuni 100.000 euro-, inizierà in forma sperimentale dal 29 marzo fino al 30 settembre. L’intenzione è sia quella di creare un collegamento reale tra i due paesi e la metro C, ma anche di far fronte alle esigenze dei cittadini attraverso la cooperazione tra i vari paesi dei Castelli.

“Investire sul trasporto pubblico – ricorda Civita, assessore dei trasporti nella Regione Lazio -, è la premessa per lo sviluppo della Regione”.

Il progetto è stato possibile non soltanto grazie ai fondi, ma anche tramite la riprogrammazione del servizio pubblico – infatti gli orari degli autobus saranno collegati direttamente con quelli della metro -, oltre ad una attenta razionalizzazione delle spese. Su questo tema vi erano dei fondi che venivano stanziati per comuni con meno di 10.000 abitanti, lasciando invece senza risorse quei comuni con più di 10.000.

L’assessore ai trasporti, inoltre, si è soffermato sul fatto che molti cittadini sono costretti ad usare la macchina per andare a Roma, malgrado tutte le scomodità e i disagi che la capitale offre ( difficoltà a trovare parcheggio, traffico ecc… ); mediante un sistema di trasporto pubblico più efficiente, invece, potranno girare con maggiore comodità.

Creare un progetto omogeneo significa anche offrire un servizio completo ai cittadini. Infatti l’assessore, facendo l’esempio di un autobus che , partendo da Montecompatri, pur passando a Colonna, non potrebbe accogliere i passeggeri che si trovano in quella fermata , se non è consorziato.

La cooperazione tra Monte Compatri e Colonna ha portato all’avverarsi di questo progetto; cooperazione  che  – è stato sottolineato frequentemente durante la conferenza – ” si è resa possibile dai circoli Pd dei due paesi “.

Ma la soddisfazione più grande, ricorda il Senatore Astorre, è quella di “ non guardare il colore politico bensì i bisogni dei cittadini che vengono sempre prima di tutto “.

Su questo punto non mancano le polemiche, in quanto il sindaco Mardo De Carolis  avrebbe preferito parlare di “sinergia tra enti nell’interesse della comunità “.

Infatti il primo cittadino di Monte Compatri ha inteso precisare che il promotore di tutto ciò fu una lettera inviata dall’amministrazione comunale nel luglio 2014, in occasione dell’inaugurazione della metro c, in cui veniva chiesto al dipartimento Trasporto su gomma della Regione  di riprogrammare il servizio; richiesta ripresentata il dicembre dell’anno successivo cercando di creare una vera integrazione tra le navette e la metropolitana.

Il sindaco di Monte Compatri ha voluto mostrare grande interesse per questa iniziativa:  sia per i suoi abitanti, che non saranno costretti ad usare la macchina per muoversi, sia per l’ambiente, poiché meno macchine circoleranno e maggiore sarà la riduzione dell’inquinamento, senza dimenticare poi che le vetture in questione saranno alimentate a metano.

“Il miglioramento dei trasporti per i pendolari, tuttavia, non si limiterà solo alla linea Monte Compatri – Colonna- Pantano – ricorda Civita -,  grazie ad un contratto che la Regione Lazio  stipulerà con Trenitalia,presto ci sarà il rinnovamento dei  treni della Regione”.

Enrico Stasi

 

commenta