POLITICA

Ariccia – Comunali, affluenza al 66,6%. Vince Roberto Di Felice

ariccia seggi

ariccia seggi

Anche Ariccia è tornata al voto per eleggere i vertici amministrativi per il prossimo quinquennio. Dopo una campagna elettorale burrascosa e a tratti velenosa, infiammata dal colpo di mano di alcuni consiglieri comunali che a pochi mesi dalla conclusione naturale del mandato del sindaco Emilio Cianfanelli, ne decretarono la sfiducia aprendo le porte al commissariamento del Comune, si è tornati al voto per il rinnovo della composizione del consiglio comunale.

Mauro Serra Bellini, Luisa Sallustio, Roberto Cuccioletta e Roberto Di Felice sono stati i quattro sfidanti su cui i cittadini hanno espresso il proprio voto. Nel 2011 a votare fu il 75,35% della popolazione che individuò in Emilio Cianfanelli (col 43,51%) e Roberto Di Felice (38,31%) i due sfidanti al ballottaggio, poi vinto dal primo per soli 32 voti; una distanza minima, che tra corsi e ricorsi, costò quasi un anno di commissariamento.

di feliceI numeri risicati di appena cinque anni fa e le vicende tempestose che hanno accompagnato il quinquennio appena conclusosi aprono per Ariccia una competizione ricca di suspense. Per ciò che concerne l’affluenza alle 23 si è definitivamente assestata al 66,70%, contro il 75,35% della volta precedente. 

Dallo scrutinio delle prime schede è parso subito in vantaggio Roberto Di Felice, il cui entourage, alla vigilia, si diceva persino speranzoso di poter vincere al primo turno, prospettiva che, una scheda dopo l’altra, è apparsa sempre più concreta, con buona pace degli sfidanti, cui non è restato che leccarsi le ferite.