FOCUS

Velletri – ‘Patto Popolare’ sull’addio di Guidaldi dalla Volsca: ‘Un atto dovuto e tardivo’

Guidaldi2
Il presidente della Volsca, Piero Guidaldi

L’ormai ex presidente della Volsca Ambiente e Servizi, l’avvocato Piero Guidaldi, durante una riunione della Commissione Speciale sui Rifiuti

“La scelta dell’avvocato Piero Guidaldi di lasciare la presidenza della Volsca Ambiente e Servizi S.p.A. rappresenta un atto dovuto ed irrinunciabile, altro che scuse”. Non sembrano avere dubbi quelli di ‘Patto Popolare Velletri’ a commento delle notizie che arrivano dai vertici della Volsca, con l’avvocato Guidaldi che ha lasciato la presidenza del Consiglio d’Amministrazione dopo 8 anni, ovvero all’inizio dell’esperienza di Fausto Servadio a sindaco di Velletri, nel 2008. Il 27 luglio, nel corso della prossima assemblea dei soci, potrebbero esserci lumi sul suo successore. Proprio in questi giorni, nel corso di un convegno, Guidaldi ha tenuto a rimarcare di aver sempre operato con “efficienza, onestà e trasparenza”, dicendosi orgoglioso dei risultati centrati durante la sua presidenza, in cui, parole sue, ha “ereditato una società in forte crisi e priva dei pur basilari mezzi di funzionamento”, e che viene invece lasciata con un “costo del servizio pro capite tra i più bassi del territorio e con utili che nel 2015 si attestano sui 400mila euro”.

Pur non trattandosi di dimissioni, come quelli di Patto Popolare avevano inizialmente intuito, ma di una precisa volontà, a scadenza del mandato, di non accettare un nuovo incarico, quanto si profila all’interno della società per azioni di diritto privato, completamente partecipata dalla pubblica amministrazione, ha scatenato le ira di una parte dell’opposizione, che da sempre contesta il risanamento della Volsca, definendolo unicamente di facciata. “Avevamo ragione noi di Patto Popolare Velletri – si legge in una nota diffusa proprio in queste ore -, quando dicevamo che sulle falde idriche non si costruiscono discariche di alcun tipo e che Servadio ha rischiato di distruggere quel che resta del nostro potenziale agricolo ed ambientale, nonostante qualche giorno fa abbia avuto il coraggio di dire che lui è un difensore dell’ambiente! Abbiamo appreso solo dalla stampa del suo addio alla presidenza della Volsca, ma certamente lo riteniamo un atto dovuto e necessario anche alla luce delle note vicende da noi denunciate pubblicamente in seno alla commissione no bio gas presieduta dal dottor Giorgio Greci. Ora – continuano dal partito d’opposizione – ci ‘infagotteranno’ di chiacchiere e rabbonimenti, ma dimostreremo che le cose stanno diversamente. Negli ultimi anni il costo del servizio per il cittadino si è raddoppiato, e il bilancio che ci mostreranno lo rivedremo insieme, confutando diverse cose e, se non arriveranno risposte scritte e formali alle domande rimaste inevase presentate dal dott. Giorgio Greci e dal dott. Fabio Taddei, poste come membri della Commissione Speciale sui Rifiuti che trattò dell’impianto biogas, da noi fortunatamente bloccato, presenteremo una dettagliata denuncia alla autorità giudiziaria. Nel frattempo prendiamo atto che il biogas è stato impedito e Piero Guidaldi ha lasciato il suo incarico. Resta però oscura e non definita la situazione della liquidazione del concordato preventivo inerente la vecchia Volsca, società che aveva preceduto l’attuale nuova Volsca nella gestione dei rifiuti e la cura dell’ambiente cittadino. Nei prossimi mesi – si chiude così la nota di PPV – ci renderemo conto di cosa hanno combinato questi ‘signori’ e forse ne vedremo delle ‘belle'”.

commenta