Quantcast
Lanuvio - Si è svolto oggi l'ultimo consiglio comunale, tra l'addio di Centini, i conti in ordine e una disponibilità di quasi 4 milioni - Castelli Notizie
POLITICA

Lanuvio – Si è svolto oggi l’ultimo consiglio comunale, tra l’addio di Centini, i conti in ordine e una disponibilità di quasi 4 milioni

centini

Il congedo di Franco Centini nell’odierno consiglio comunale

Si è fatto attendere qualche giorno in più del previsto ma il ‘rompete le righe’ della consiliatura lanuvina 2012-2017 è inesorabilmente arrivato una quarantina di minuti dopo le ore 20 di questo primo lunedì di giugno. Giusto il tempo di dare il via libera all’approvazione del rendiconto di gestione del 2016 e congedarsi con dei saluti che, in alcuni casi, hanno assunto i toni dell’addio alla politica attiva. Sembra poter essere il caso di Franco Centini, che ha salutato i presenti con parole al miele, non essendo tra i candidati al rinnovo del consiglio comunale e non essendo in odore di alcun incarico assessorile, a differenza di chi, come Marco Trombetta, potrebbe comunque rientrare in gioco.

A presentare il bilancio consuntivo, con spiccata soddisfazione, è stato l’assessore al bilancio Aleardo Semprucci, che ha evidenziato in 3milioni 800mila euro la disponibilità in forza alla dote comunale. “Meglio di così non si poteva davvero fare” ha aggiunto, prima di ribadire ancora una volta che “in 5 anni non si è mai fatto ricorso all’anticipazione di cassa, tanto da ritenerci con un orgoglio una mosca bianca nel cosmo dei Comuni italiani”.

Parole di ringraziamento per i dipendenti comunali sono pervenute da tutti gli schieramenti, con Centini che si è intrattenuto, quasi a volersi gustare ognuna delle ultime parole spese in aula consiliare da rappresentante dei cittadini. “Più di qualche volta sono andato sopra le righe – ha ammesso candidamente – e chiedo in primis scusa a Valeria (Viglietti, presidente del consiglio comunale, ndr). Per chi verrà dopo di noi auguro un buon proseguimento e l’augurio di un buon impegno a servizio dei cittadini, come io ho provato a fare, mettendocela tutta. Accontentare tutti sarebbe stato impossibile, ma fa comunque piacere sentire Semprucci dare meriti anche alle passate amministrazioni nell’aver saputo tenere i conti in ordine. Ed è un merito anche di questa Amministrazione aver lasciato i conti a posto per chiunque verrà”. Parole che hanno trovato la sponda di Mario Di Pietro, che tra i banchi della maggioranza ha salutato Centini in maniera affettuosa; “Abbiamo attinto dalla sua esperienza e non è mai mancato il rispetto e la stima personale, nonostante la frequente divergenza di opinioni”.

Parole di congedo anche da parte di Marco Trombetta: “Si chiude certamente un percorso, dopo 3 mandati consecutivi da consigliere. Il bilancio che traggo è positivo e anche io ringrazio tutti i dipendenti comunali, gli amministratori e i compagni di viaggio nel tempo succedutisi.  Lanuvio ha visto succedersi diverse amministrazioni e se i conti stanno così significa che tutti ci hanno messo amore e capacità”.

L’intervento dell’assessore Andrea Volpi

Dei distinguo sono arrivati dall’assessore Andrea Volpi, che ha ceduto l’onore delle armi agli avversari politici, non senza mancare di punzecchiarne altri: “Do un riconoscimento a chi è stato in questa aula e c’è stato fino in fondo, sino alla fine. Non lo stesso si può dire di chi è sparito da mesi, non ha dato seguito al mandato ricevuto dagli elettori, e a quattro 4 giorni dal voto si è degnato di presentare delle interrogazioni al segretario. Lasciamo un bilancio sano, impeccabile ed un Comune pulito, come lo abbiamo trovato”. 

Di consueto di ampio respiro filosofico l’intervento del Sindaco, Luigi Galieti, che al pari degli altri ha ringraziato l’intera assise e i dipendenti comunali, rimettendosi nelle mani dei cittadini, che con la loro matita, nella giornata di domenica 11 giugno, decreteranno la sua permanenza o meno da Primo cittadino. 

DL