Quantcast
L'Urbanistica a Rocca Priora, Equi Diritti: 'Nonostante il Parco dei Castelli si continuano a vendere terreni edificabili' - Castelli Notizie
Attualità

L’Urbanistica a Rocca Priora, Equi Diritti: ‘Nonostante il Parco dei Castelli si continuano a vendere terreni edificabili’

equi diritti rocca priora

Marco Milani

Rabbia e sorpresa tra i cittadini di Rocca Priora, nel vedere come, nonostante la stretta della Procura della Repubblica di Velletri, le agenzie immobiliari continuino a mettere in vendita “terreni edificabili”, sebbene gli stessi insistano nel Parco Regionale dei Castelli Romani. Particolarmente vibranti le rimostranze delle oltre 900 famiglie, che pur avendo pagato una salata sanatoria da oltre un decennio, vedono ora la loro abitazione primaria a rischio acquisizione e demolizione, proprio a causa della mancata attuazione degli strumenti di recupero urbanistico, pure copiosamente finanziati dalla Regione Lazio.

“L’impressione – dichiara Marco Milani, portavoce di Equi Diritti – è che si sia volutamente stravolta la funzione dello strumento delle varianti speciali, non già per recuperare alla legalità, nuclei abitativi sorti a ridosso di zone urbanizzate antropizzate ed irrimediabilmente compromesse dalle precedenti sanatorie, ma per consentire nuove speculazioni edilizie, consentendo la cementificazione di zone alle quali si tenta di attribuire coefficienti di edificabilità, che arrivano fin anche al 130%”.

“Effettivamente di episodi particolari che recentemente hanno suscitato l’indignazione dei cittadini ne abbiamo molteplici e si passa da concessioni in sanatoria discutibili a nuove realizzazioni di manufatti edilizi che nascono ufficialmente come “pertinenze di farmacie Comunali” ma che al termine, si scopre essere attività commerciali, fino alla beffa di coloro che vivono nell’ansia della demolizione di una casa di necessità, costruita in territorio su cui pende il vincolo ambientale ma che vedono il terreno confinante, essere posto in vendita come edificabile. Per affrontare e denunciare queste discrasie e per fare il punto sul nulla prodotto nell’ultimo decennio sulle politiche di recupero, annunciamo sin d’ora un imminente incontro con i cittadini dal tema “URBANISTICA ROCCA PRIORA, 10 ANNI DI NULLA”, ritenendo infatti inammissibile come il lavoro svolto in un paese che da diversi anni era all’avanguardia su percorsi che oggi stanno abbracciando le diverse amministrazioni comunali (Artena e Grottaferrata su tutte), si sia inspiegabilmente  arenato ormai da troppi anni”.