Attualità

Strage di Cisterna – E’ tornata a parlare Antonietta, la mamma delle due bambine uccise: ‘La pace e la pietà hanno vinto sul male’

famiglia cisterna

Antonietta Gargiulo in una foto al fianco delle due figlie, Alessia e Martina, uccise il 28 febbraio dal loro papà, Luigi Capasso, marito della donna

Parole di fede e di speranza quelle di Antonietta Gargiulo, la mamma delle due sorelline ammazzate dal padre a Cisterna di Latina sul finire di febbraio, quando tutta Italia rimase scossa dalla tragedia accaduta nella cittadina a confine dei Castelli Romani. La donna, ripresasi in parte dalle ferite di quella tragica mattinata, quando suo marito, Luigi Capasso (che lavorava alla stazione Carabinieri di Velletri), la ferì gravemente prima di accanirsi contro quelle due creature innocenti, uccise a sangue freddo, ha inviato un audio alla Comunità “Gesù Risorto”, di cui fa parte. Di quell’audio è stato poi preparato un video, poi postato sulla Pagina Facebook della Comunità.

Dalle parole di Antonietta trapela indistintamente una fede che sicuramente le è stata e le sarà d’aiuto nell’affrontare una tragedia così grande. Dopo lo sparo la donna fu ricoverata in condizioni critiche in un noto ospedale romano e dopo essersi ripresa è stata affiancata da un team di psicologi, che proprio il giorno prima dei funerali delle sue bimbe le hanno comunicato quanto accaduto alle figliolette Alessia e Martina.  

“Ciao a tutti cari fratelli, sono Antonietta Gargiulo e oggi voglio ringraziare ognuno di voi per le preghiere e per l’amore. La mia vita oggi qui è un miracolo e ringrazio Dio in ogni istante. Il vero miracolo, ancora, è l’amore che ha circondato me, e soprattutto le mie bambine. Il vero miracolo è che l’odio, il male e il rancore non hanno vinto nei nostri cuori, ma regna un senso di pace, di pietà e di misericordia. Regna l’amore che si sta estendendo a cerchi concentrici, come da una goccia, e sta arrivando lontano. La Parola di Dio ha vinto sulla morte e io lo posso testimoniare. Un grazie senza fine alla mia famiglia e a tutti voi, perché in ogni cellula del mio corpo sento la mia vita che è rinata grazie alle vostre preghiere. Il mio desiderio ora è venire al convegno, dove passa amore e grazia senza fine, per questo vi chiedo di continuare a pregare per me. Vorrei abbracciarvi tutti li, spero ci sarete tutti e numerosi, per poter condividere questo fiume di grazia, del nostro 31° convegno, che non poteva avere un tema migliore per me (“Io sono la Luce del Mondo”). Gesù nostra luce ci benedica, a presto, vi voglio bene”. 

https://www.facebook.com/comunitagesurisorto/videos/1420489698057808/?t=0

leggi anche
funerali alessia martina
Cronaca
Strage di Cisterna, uccise figlie di 14 e 8 anni prima di suicidarsi: a giudizio i medici che lasciarono il permesso per l’arma