Attualità

In quarantena con l’istrice e altre esperienze campagnole al tempo del nuovo Coronavirus

istrice

di Maria Lanciotti In quarantena con l’istrice e altre esperienze campagnole al tempo del nuovo Coronavirus. La costrizione domiciliare a causa dell’emergenza Covid-19, che tanti disagi ha comportato, si è rivelata anche l’occasione per riconsiderare l’attuale sistema di vita e riproporre mentalità e attitudini che sembravano dimenticate.

terreno istrice

Nelle zone rurali di Velletri, dopo un momento di sconcerto che però non ha interdetto i lavori stagionali, la situazione di blocco ha prodotto in realtà un fermento insolito, sicuramente produttivo. Si è riscoperto il valore del buon vicinato e del mutuo soccorso ‒  “oggi a me domani a te” ‒  arrivando al baratto con lo scambio di uova e zucchero, ortaggi e   spaghetti, e insomma quello che si ha per quello che invece occorre, un ritorno alle usanze, non solo campagnole, di quando non c’erano i supermercati sotto casa e si bussava alla porta accanto.

lavori istrice

Scambi di idee, ricette e consigli attraverso le recinzioni, prestiti di utensili e materiali vari per lavoretti e riparazioni che aspettavano da tempo, previsioni e commenti fra un bicchiere di vino e una tazzina di caffè,  e pure qualche messa in piega o taglio di capelli di professionisti al momento disoccupati. Ma l’attività preminente restava quella legata alla produzione agricola/alimentare, con l’apporto anche  dei residenti impegnati in altri settori e al momento costretti a casa, che seppure non inclini a lavorare la terra si misero come tutti a zappettare il quadratino d’orto riscoprendo il valore delle nostre nobilissime origini contadine. 

Poi arrivò anche qualche ospite notturno a scassare la terra, buche da affondarci dentro con tutta la gamba per rosicchiarsi radici e bulbi, e si armò allora la discussione sulla natura dell’invasore e quale fosse il suo punto d’accesso. 

Controllate palmo a palmo le recinzioni nel groviglio della vegetazione, subito sfoltita per l’ispezione, presero il via le congetture sulla base di certi rilevamenti. 

aculeo istrice

Escluso il cinghiale per dimensioni ‒ per quanto già apparso in precedenza con tutta la cucciolata nello stesso appezzamento, penetrando da un buco della recinzione subito individuato e tappato ‒ si passò all’istrice, o al tasso come qualcuno sosteneva. 

Si optò definitivamente per l’istrice considerando lo sterminio di bulbi di ciclamino,  e di piante fino alla radice di gigaro ‒ o calla selvatica o pan di serpe ‒  che si rigenera a primavera e di cui l’istrice, il più grande roditore della nostra fauna, è particolarmente ghiotto e refrattario alla tossicità di tale pianta erbacea.  

Tappa qui e tappa là, nel terreno che sembrava bombardato, ma non si trovava soluzione e alla fine la resa e si decide per una  nuova recinzione.

Solo a lavoro ultimato si trovò un aculeo dell’istrice sfrattato e quasi dispiacque a tutti averlo allontanato, tanto schivo per quanto simpatico, ma si sapeva al sicuro nella boscaglia a mezza costa, e si riprese a piantare patate. 

Più informazioni
commenta