Quantcast
Ciampino - Di Luca: "Riconsegneremo spazi culturali ai cittadini. L'intitolazione della Biblioteca? Idea mia" - Castelli Notizie
POLITICA

Ciampino – Di Luca: “Riconsegneremo spazi culturali ai cittadini. L’intitolazione della Biblioteca? Idea mia”

di luca ciampino
Biblioteca ciampino

A prendere la parola sulla situazione della Biblioteca comunale Pier Paolo Pasolini, dopo giorni di dibattiti e polemiche, è il consigliere Gianfranco Di Luca, delegato ai Servizi Bibliotecari. Nelle ultime settimane infatti sono state sollevate critiche dall’opposizione e da qualche cittadino per un’ipotetica volontà da parte dell’Amministrazione di cambiare il nome della Biblioteca e della Sala consiliare dedicata a Pietro Nenni. Ciò che aveva allertato ulteriormente gli affezionati della sala lettura, erano state anche delle voci circa la realizzazione di uffici bancari all’interno della Biblioteca. Questi ed altri propositi erano stati messi in luce dal CAB, Comitato Attivo per la Biblioteca, i quali, dopo un incontro avvenuto con Di Luca, avevano riportato le nuove proposte del consigliere dando il via ad una pioggia di critiche.

di luca ciampino

“Da parte mia c’è la volontà di cambiare i due nomi – ci ha raccontato Gianfranco Di Luca – non è nella volontà della maggioranza e del Sindaco, ma sicuramente io, personalmente, porterò questa questione sul tavolo in quanto delegato.”

Sulla re-intitolazione quindi il consigliere Di Luca ha espresso la sua intenzione di proporre una modifica ai nomi di Nenni e Pasolini, ma si tratta di un passo che avverrà solo quando i lavori saranno completati del tutto. “Tutto sommato tra i due forse Pasolini potrebbe essere il nome più legato alla città – ha sostenuto infatti Di Luca – ma per ora ci dedichiamo ai lavori, poi al resto.”

“Mi sia consentito chiedere – continua il delegato ai servizi bibliotecari – rivolgendomi a tutti coloro che oggi si indignano: vi lamentate proprio adesso di questa situazione? Dove siete stati negli ultimi 15 anni quando le stesse infrastrutture comunali venivano abbandonate? Dov’eravate quando venivano spesi “soldi pubblici”, TANTI “SOLDI PUBBLICI”, per poi lasciare tutto nel totale abbandono?”

Il primo interesse del delegato ai servizi bibliotecari e dell’Amministrazione è infatti quello di ridare un nuovo volto alla Biblioteca e agli edifici adiacenti, che vivono in uno stato di abbandono che perdura ormai da più di dieci anni.

Biblioteca ciampino 11

“L’impegno che ho preso dal primo giorno – ha proseguito Di Luca – è stato quello di rimettere mano ai locali dov’era ubicata la biblioteca per ridare finalmente a tutti i cittadini di Ciampino, e non solo, la possibilità di riutilizzare quegli spazi culturali”.

“Le nostre intenzioni sono di rimettere a posto la vecchia struttura della Biblioteca – spiega Di Luca -rendendola molto più efficiente e moderna rispetto a prima, con una migliore suddivisione degli spazi, wi-fi, sale letture/conferenze”. I lavori, stando a quanto dichiarato, dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno.

A rientrare nel progetto è anche il Teatro comunale che, una volta rimesso in sesto, potrebbe diventare un vero e proprio punto di riferimento culturale per tutti i Castelli Romani”.

Un’altra questione sollevata dal resoconto dell’incontro avuto da Di Luca con il Cab è stata la realizzazione di un INFO Point comunale all’interno della nuova biblioteca. I ragazzi del Comitato avevano manifestato delle perplessità circa l’aumento di lavoro per gli operatori della Biblioteca con la nascita di questo nuovo servizio. Ma il consigliere ha rassicurato che ad occuparsi di quest’attività rivolta al turismo sarebbero altri impiegati. L’INFO Point darebbe infatti il vantaggio di occuparsi a 360° dei turisti che arrivano ogni giorno dall’Aeroporto e/o dalla stazione ferroviaria per richiedere informazioni sulla città, sulle opzioni di pernotto, di ristorazione, ecc.

Biblioteca ciampino 6

Sulla realizzazione degli uffici bancari all’interno della Biblioteca, Gianfranco Di Luca parla chiaro. “Oggi come oggi il supporto privato non ci spaventa. Sono strade e percorsi che stiamo valutando, mettendo sempre al centro il bene comune della nostra città e di tutti coloro che verranno a visitarla.”

“Concludo dicendo che la riconsegna ai cittadini di Ciampino (e non solo) di tutti i beni immobili comunali (biblioteca, sala consiliare, ex teatro ecc.) distrutti e abbandonati da tantissimo tempo È INIZIATA. Tutto il resto – ha concluso Di Luca – è solo una sterile ed inutile polemica che lascio a coloro che non hanno a cuore il futuro della nostra città”.

Di seguito alcune foto sull’attuale situazione dell’ex Biblioteca e del Teatro.

Elisabetta Di Cicco

Biblioteca ciampino
Biblioteca ciampino 5
Biblioteca ciampino 11
Biblioteca ciampino 10
Biblioteca ciampino 9
Biblioteca ciampino 8
Biblioteca ciampino 7
Biblioteca ciampino 6
Biblioteca ciampino 4
Biblioteca ciampino 3
Biblioteca ciampino 2
Più informazioni
commenta