Quantcast
Matrimoni - Celli Centro Sposi: abiti da sogno fermi, il lancio di una linea rock e l’appello contro la crisi - Castelli Notizie
Attualità

Matrimoni – Celli Centro Sposi: abiti da sogno fermi, il lancio di una linea rock e l’appello contro la crisi

celli centro spose

Celli Centro Sposi è la nota Maison di Alta Moda che vanta una tradizione pluridecennale nel settore dei matrimoni, riconosciuta a livello nazionale e internazionale, come documenta il successo nella zona degli Emirati Arabi, in paesi quali il Quatar.

GUARDA IL VIDEO

La sede di Pavona, ad Albano laziale, dagli anni duemila circa, consacra l’esperienza, bagaglio  del capofamiglia Sergio Celli, a cui unisce la capacità manageriale, la creatività e l’estro della consorte e stilista signora Maria e poi dei figli Alessia e Giampaolo che non hanno tradito l’amore e la passione dei loro genitori, diventando anche loro stilisti attraverso un’interpretazione talvolta audace e sperimentale della tradizione sartoriale familiare. Entrando nell’atelier di circa tremila metri quadrati ci si ritrova immersi  in una realtà che ha saputo coniugare la propria visione di stile e raffinatezza con altissimi standard di qualità manifatturieri e tessili.

celli centro spose

Sponsor di Miss Italia già dal 2014, i Celli approdano, nel 2019, in televisione con la serie  “L’Atelier delle Meraviglie”, programma in onda su Real Time ambientato all’interno del Centro Celli Sposi, dove la stilista Maria e i figli Giampaolo e Alessia, insieme al nipote Simone, accolgono i futuri sposi per la scelta dei loro abiti. Il programma, di cui a breve ne inizierà una nuova serie, che li vede protagonisti per un quinquennio, non è l’unico a volerli sotto i riflettori. Dal 2018 infatti collaborano con Amici, il talent show di Maria De Filippi, portando alla ribalta quest’anno la nuova linea Celli Brothers”, le cui giacche di pelle dipinte a mano e giubbotti con borchie stanno riscuotendo tanto successo.

celli centro spose_linea rock

“Era un nostro sogno nel cassetto – racconta Alessia – io e mio fratello siamo nati e cresciuti nell’Alta Moda fatta di tanti luccichii e glitter, e di questo siamo grati, ma  sentivamo anche il  desiderio di portare una ventata di modernità all’interno di questo ‘habitat’ fatto di Swarovski  e sete preziose. Abbiamo preso spunto dalla richiesta degli autori di Real Time di creare una linea rock e siamo partiti con la pelle. Abbiamo poi presentato i giubbotti ad Amici, sono piaciuti molto e stiamo lavorando soprattutto con loro, ma abbiamo una grande richiesta anche fuori”.

celli centro spose
celli centro spose

Settore del wedding in crisi

La pandemia purtroppo come tanti altri settori ha colpito anche questo. “Il nostro, il settore del wedding, che include stilisti, abiti, fioristi, location, fotografi, viaggi e così via,  sembra essere dimenticato, non ne parla nessuno. La nostra azienda contava una sessantina di dipendenti, adesso abbiamo mantenuto due commesse e due sarte, il resto è in cassa integrazione.

celli centro spose

Abbiamo circa 5.000 abiti da consegnare, ma è tutto fermo perche’ sono state rinviate le cerimonie, quindi matrimoni, comunioni, anniversari. La nostra macchina non si è interrotta perché lavoriamo per produzioni televisive ma la situazione è veramente grave”, ci racconta Giampaolo, responsabile del settore abiti da uomo, il cui lavoro ricercato e originale lo hanno portato a creare abiti per sportivi, artisti e vip dello spettacolo.

”Il mio non vuole essere un appello ma uno stimolo ad una maggiore sensibilizzazione verso questo settore, occorre parlarne e trovare delle soluzioni per consentirne la ripresa”, conclude lo stilista. La pandemia ha bloccato anche i lavori di apertura della nuova boutique “Celli Centro Sposi -L’Atelier delle Meraviglie“ di Via Appia come ci racconta con un pizzico di orgoglio la signora Maria: “Avremo una bellissima vetrina con tanti abiti che sono la mia passione, ci lavoriamo tanto ed è bello mostrarli. Doveva già essere aperta ma ovviamente la pandemia ci ha rallentato. Contiamo a breve di annunciarne l’apertura, nel frattempo continuo la mia attività all’interno, c’è sempre tanto da fare tra modellatura, campionario e abiti già tagliati da portare avanti. È importante continuare  la propria attività anche se non la possiamo mettere in vendita. Questa è la mia vita, la mia passione da cinquant’anni, fin da quando, bambina, facevo gli abiti per le bambole”.

“E’ bellissimo e gratificante incontrare di nuovo le mamme che ho vestito per poi continuare con le figlie. Quando mi metto sul tavolo di lavoro e taglio un abito e lo creo per me è una sensazione molto forte e appagante”.

Un marchio che è espressione di una vita dedicata ad un lavoro incessante e minuzioso fatto con amore e maestria che ha prodotto 18 linee sposa, dalla Linea Perla alla Linea Gioiello a quella Tatoo, presentata alla Fiera di Roma. quatto anni fa. che testimonia l’attenzione per le varie esigenze e cambiamenti.

celli centro spose_ maria

”È importante dare spazio a quelle spose che vogliono mettere in mostra  qualcosa che gli appartiene, che segna il loro corpo in modo indelebile e che quindi ha per loro un significato profondo quale può essere un tatuaggio – continua la signora Maria, che conclude -. L’abito che prediligo è comunque quello romantico, molto ampio, la seta pura, il pizzo e la sua incastonatura nella seta, ma ciò non toglie che poi non possano attuarsi delle innovazioni attraverso sfumature di colore, tagli e ricami che donano luminosità”.

La Maison Celli affascina, con le loro splendide creazioni, ogni anno migliaia di sposi e non solo, come testimoniano numerosi volti famosi quali Ilary Blasi e suo marito Francesco Totti, che qui hanno scelto l’abito della figlia Chanel per la sua Prima Comunione. Forte di una tradizione familiare che si è finora tramandata dai figli ai genitori anche i nipoti a loro modo ne stanno dando seguito, come Aurora,  la ormai famosa influencer, e Simone che stanno esprimendo la loro indole artistica in ambiti diversi ma correlati tra di loro.                           

Doriana Beranzoli

commenta