Quantcast
Genzano, il Consiglio ri-vota il Comitato Landi. Entrano i membri di opposizione, restano le tensioni - Castelli Notizie
POLITICA

Genzano, il Consiglio ri-vota il Comitato Landi. Entrano i membri di opposizione, restano le tensioni

landi

Dopo oltre due ore di discussione sui primi punti all’ordine del giorno, il Consiglio Comunale di Genzano, riunito nel pomeriggio del 12 maggio, è tornato a parlare delle nomine all’interno del Comitato della frazione Landi.

Già nel mese di febbraio, in realtà, l’assise genzanese aveva proceduto alle nomine dei rappresentanti dell’organo della frazione della città, ma all’appello mancavano i nominativi proposti dai consiglieri che siedono all’opposizione: quindi, di fatto, la maggioranza aveva votato e scelto i soli componenti proposti dalla stessa.

Una serie di richieste da parte delle opposizioni, hanno portato la Presidente del Consiglio Comunale, Patrizia Mancini, a decidere di mettere all’ordine del giorno l’annullamento della precedente delibera di consiglio e di procedere a nuova votazione.

Dopo lo scambio di battute tra la Mancini ed il consigliere Neglia (Lega), è stato fornito l’elenco contenente sia i nominativi che erano già stati votati in una precedente seduta, sia le personalità scelte dai membri dell’opposizione: grazie alla nuova votazione entrano quindi nel comitato Sabrina Spaziani (proposta da Fabio Papalia, FdI) già componente del comitato per pochi mesi durante l’amministrazione Lorenzon, Pierino Claudio D’Angelillo (Movimento Civico Città Futura) esperto di sport, Piero Mariani (proposto da Rosario Neglia, Lega) geometra esperto in infrastrutture, strade, fognature, viadotti e verde urbano, e Riccardo Gravano molto attivo nella frazione per lo sport.

Il comitato Landi, con la votazione dello scorso martedì, si è allargato ad 11 componenti dai 9 originari, così da garantire la rappresentanza a tutte le forze politiche. Una decisione che ha portato all’inizio di una nuova polemica tra maggioranza ed opposizione, con il neo-presidente del comitato, Emiliano Leoni, che ha espresso la sua difficoltà ad organizzare le riunioni del comitato e che “si troverà costretto ad organizzarle in piazza” a causa della richiesta della minoranza di aumentare il numero dei componenti.

Il delegato del sindaco Zoccolotti per Landi ha affermato pure che nessuna amministrazione precedente si è minimamente interessata alla frazione: un’affermazione, questa, che ha fatto infuriare il consigliere Flavio Gabbarini, già sindaco di Genzano, che ha difeso il suo e l’operato delle precedenti amministrazioni di centro-sinistra: “Ci sono tante difficoltà, ma le sembra che questa frazione sia stata veramente abbandonata? Le sembra poco avere un depuratore, una stazione, aver rifatto tante strade, che certamente andrebbero mantenute, e aver rifatto la palestra?”, ha replicato Gabbarini alle dichiarazioni dell’ing. Leoni.

Non meno duro è stato il commento del consigliere Piergiuseppe Rosatelli, che ha polemizzato col presidente Leoni in quanto “avrebbe potuto fare un esordio un poco più super-partes ed invece è partito con una polemica, visto che, tra l’altro, siamo all’apertura di una nuova fase e non c’era bisogno di polemizzare”.

Una partenza per niente serena, quindi, per il nuovo comitato Landi, che si compone anche di Yarah Rotondi, Giuseppe Polletta, Roberto Toscanelli, Jenny Sedano, Roberto Crescenzi e Mattia Picca, tutti nominativi indicati dalla maggioranza e votati lo scorso febbraio.

Un ritardo nelle nomine che, secondo il presidente del comitato, dovrà essere necessariamente recuperato: una collaborazione non certo facile da portare avanti considerate le varie frizioni esistenti, ma che se attuata potrà apportare novità per la frazione genzanese…

SAMUEL NOCERA

Più informazioni
commenta