Quantcast
Frascati - Emergenza cinghiali, il Comune cerca esperti per la cattura e il trasferimento degli animali - Castelli Notizie
POLITICA

Frascati – Emergenza cinghiali, il Comune cerca esperti per la cattura e il trasferimento degli animali

cinghiale-villa sciarra

Dopo tante polemiche e le numerose segnalazioni di cui abbiamo ormai abbondantemente parlato nelle scorse settimane, il Comune di Frascati è finalmente passato alla Fase 2 dell’emergenza cinghiali. In seguito all’ordinanza emessa dalla commissaria Raffaela Moscarella che ha chiuso il parco di Villa Sciarra e vietato il foraggiamento degli animali, il V Settore del Comune di Frascati, che fa capo al comandante della Polizia Locale Alfredo Bertini, ha pubblicato l’avviso per una manifestazione d’interesse a “partecipare alle procedure di sicurezza urbana per individuare, catturare in modo incruento, trasportare e delocalizzare i cinghiali in un luogo idoneo. “Interesse dell’amministrazione – si legge nell’avviso – è individuare un idoneo soggetto qualificato e specializzato, abilitato secondo la vigente normativa alla attività di seguito descritta: Individuazione, cattura incruenta, trasporto di animali vivi, delocalizzazione dei cinghiali da destinare nelle località individuate dalle competenti Istituzioni sovracomunali“.

Si richiede a chi catturerà i cinghiali di presentare nelle offerte un’ipotesi dettagliata di quello che sarà il Piano Operativo, che verrà appunto portato a termine da personale abilitato e certificato, che abbia svolto attività analoghe anche in enti diversi dalla Regione Lazio. L’accettazione delle offerte, che dovranno pervenire al Comune entro 10 giorni, è “condizionata nei termini economici da valutare, con i competenti uffici finanziari, nella misura delle risorse specificatamente a tale scopo messe a disposizione per l’intervento”.

Un passo concreto, al netto di quelle che saranno le risorse messe a disposizione e le offerte che perverranno, quello intrapreso dall’amministrazione prefettizia, che supera il silenzio e l’immobilismo della Regione Lazio e degli enti sovracomunali sollecitati più volte a fornire indicazioni concrete.

Più informazioni
commenta