Quantcast
Albano, venerdì 18 giugno assemblea pubblica sul cantiere di Santa Palomba. Partito nuovo esposto - Castelli Notizie
Attualità

Albano, venerdì 18 giugno assemblea pubblica sul cantiere di Santa Palomba. Partito nuovo esposto

albano conferenza santa palomba

Venerdì 18 giugno alle ore 17,30 presso piazza San Pietro ad Albano si terrà un’assemblea pubblica tenuta da associazioni e comitati cittadini per relazionare sullo stato del cantiere di via Cancelliera, nel quartiere di Santa Palomba, a ridosso del Comune di Albano.

Esponenti politici ed associazioni hanno presentato un nuovo esposto per richiedere verifiche a tappeto sul cantiere e sul rispetto delle prescrizioni ambientali, dopo aver denunciate delle presunte irregolarità.
L’esposto riguarda “la presenza di una colata di cemento all’interno dell’alveo del Fosso di S. Palomba e per abbandono di rifiuti sui suoi argini”.

A firmare l’esposto sono stati Marco Alteri, in qualità di consigliere comunale della Città di Albano Laziale, Nicola Passaretti per il Circolo Legambiente Appia Sud “Il Riccio” e Salvatore Stefanelli, per il l Comitato di Quartiere “Pavona Uno”. I tre hanno segnalato che all’interno del cantiere del Programma Integrato n. 3 “Santa Palomba” (PRINT S. Palomba), che ricade Municipio IX del Comune di Roma, il deposito di detriti misti a rifiuti sull’argine del fosso di Santa Palomba, con il rischio che possano disperdersi nel corso d’acqua. Inoltre è stato costruito un attraversamento dell’alveo per le attività di cantiere, che ostacola il regolare deflusso delle acque.

“Fondamentale è la compattezza tra istituzioni e cittadini, perché gli interessi in gioco sono enormi. Ricordiamo infatti che i 1.000 appartamenti di S. Palomba sono finanziati da Cassa Depositi e Prestiti in convenzione con il Comune di Roma – hanno detto gli organizzatori -. Venerdì alle 17:30 è stata convocata un’assemblea pubblica per raccogliere proposte e sensibilizzare la cittadinanza sulle principali minacce che riguardano il nostro territorio, appuntamento in piazza San Pietro, sotto il Comune di Albano per chiamare a raccolta tutte le città latine.
Non siamo contrapposti a Roma, ma vorremmo invitare i nostri grandi vicini a risolvere i problemi e non limitarsi a scaricarli su di noi. Chiediamo di dire basta al consumo di suolo e alla costruzione di nuovi ghetti, ma di rigenerare le tante cubature abbandonate e degradate, come l’ex sede RAI sull’Ardeatina”.

I Comitati e le Associazioni hanno invitato ad intervenire i sindaci e i consiglieri di Albano, Ariccia, Genzano, Castel Gandolfo, Ardea e Pomezia, oltre che i consiglieri regionali, i deputati e i senatori della Repubblica.

Più informazioni
commenta