Quantcast
Albano - Prende il via la quarta edizione del Festival Fiati Albano Laziale a Palazzo Savelli - Castelli Notizie

Albano – Prende il via la quarta edizione del Festival Fiati Albano Laziale a Palazzo Savelli

generale_fiati
generale_fiati

La splendida location di Palazzo Savelli è pronta ad accogliere la quarta edizione del Festival Fiati Albano Laziale. Sarà una kermesse dall’ampio respiro internazionale con solisti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e solisti di fama internazionale. I concerti si terranno ogni domenica, dal 3 al 24 ottobre 2021 alle ore 18, e saranno trasmessi in diretta streaming sul canale Youtube del Festival Fiati Albano Laziale. Tutte le informazioni sono reperibili sulla pagina Facebook del Festival. La manifestazione è curata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Albano Laziale, sotto l’organizzazione dell’Associazione “Luciano Pezzi” e la direzione artistica del Maestro Maurizio Persia.

Il Festival Fiati Albano Laziale inaugurerà la propria quarta edizione, domenica 3 ottobre, con Rosario Giuliani, tra i più conosciuti e apprezzati sassofonisti a livello internazionale. Insieme al pianista Pietro Lussu presenterà “Tribute to Bird”, un omaggio a Charlie Parker nel centenario della nascita.

Il 10 ottobre spazio a Vicente Climent Calatayud e Esteban Méndez Chaves, i due trombonisti spagnoli recenti vincitori del concorso presso l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Brani tratti dal repertorio trombonistico in duo e trio con la pianista Désirée Scuccuglia.

Il 17 ottobre sarà la volta di Marco Pierobon, tromba di fama mondiale, membro del Gomalan Brass, docente al Conservatorio di Bolzano, ha suonato con le più importanti orchestre italiane. Marco Pierobon suonerà insieme al pianista Federico Nicoletta.

Il 24 ottobre grande chiusura con Francesco Bossone, primo fagotto storico dell’Orchestra di Santa Cecilia e musicista strepitoso che insieme al pianista Monaldo Braconi porterà il pubblico alla scoperta di questo meraviglioso strumento con “Il fagotto tra virtuosismo e poesia”.

Più informazioni
commenta