Quantcast
Ariccia - Targa in ricordo del volontario Alessandro Affanati presso la sede della Protezione Civile - Castelli Notizie
Attualità

Ariccia – Targa in ricordo del volontario Alessandro Affanati presso la sede della Protezione Civile

targa protezione civile ariccia

Ora il nome del volontario Alessandro Affanati campeggia dall’alto di una targa, apposta proprio lì presso la sede della Protezione civile di Ariccia. Alessandro, scomparso a 50 anni nel 2015 per una grave patologia, vi aveva prestato servizio per circa 20 anni. Una perdita che sabato scorso il corpo della protezione civile, coordinato da Roberto Nonni, ha voluto commemorare inaugurando una targa in marmo con inciso il suo nome, in occasione della Santa Messa officiata dal parroco Don Gianni per i 25 anni della fondazione del gruppo.

targa protezione civile ariccia

Una sentita cerimonia svoltasi proprio presso la sede di via delle Cerquette nel ricordo di chi non c’è più, alla presenza di molte autorità politiche, civili, militari e religiose e ospiti di rilievo nel settore del soccorso. Tra questi il Sindaco di Ariccia, Gianluca Staccoli, l’assessore Loredana Mariani, l’assessore Michele Serafini, la consigliera comunale Lory Anna Di Felice, la polizia locale con il comandante David Moretti, i responsabili delle protezioni civili dei comuni vicini del coordinamento Fepivol, tra cui il presidente Roberto Cotterli, la croce rossa, associazione Misericordia, i vigili del fuoco di Marino e di Nemi, il maresciallo dei carabinieri di Genzano, e altri gruppi di protezione Civile del territorio.

Presente anche il funzionario della sala Operativa Regionale della Protezione civile, Giulio Fancello, in rappresentanza del direttore dell’Agenzia Regionale della Protezione Civile del Lazio, Carmelo Tulumello, che ha portato i suoi saluti e ringraziamenti.

Gratitudine è stata espressa anche dal coordinatore ariccino, Roberto Nonni, a tutto il corpo di protezione civile, che conta 48 volontari.

sindaci del territor e tutti i coordinatori del coordin

presidente roberto cotterli

Più informazioni
commenta