Quantcast
Frascati - Primo consiglio comunale il 4 novembre alle Scuderie Aldobrandini. Giunta Sbardella in via di definizione - Castelli Notizie
Politica

Frascati – Primo consiglio comunale il 4 novembre alle Scuderie Aldobrandini. Giunta Sbardella in via di definizione

Generico ottobre 2021

Il primo scoglio per la neo sindaca di Frascati, Francesca Sbardella, dovrebbe essere superato. In questi 10 giorni di consultazioni ed incontri, la Prima Cittadina dovrebbe aver trovato la quadra per la composizione della giunta che guiderà la cittadina tuscolana per i prossimi anni. Il gruppo di assessori con molta probabilità verrà presentato il prossimo 4 novembre alle ore 16, in occasione del primo consiglio comunale convocato dalla sindaca e presieduto dal consigliere anziano Alessio Ducci, che dovrebbe tenersi non come di consuetudine nell’aula Falcone e Borsellino di Palazzo Marconi, ma nella più capiente sala Auditorium delle Scuderie Aldobrandini, luogo di certo più adatto ad ospitare la prima – e di norma sempre più partecipata – assise cittadina, che si terrà oltre tutto con le limitazioni imposte dal covid. Un ordine del giorno che vedrà il  primo consiglio impegnato nel disbrigo delle pratiche formali e istituzionali tra cui la convalida degli eletti, la nomina della giunta, eventuali surroghe tra i consiglieri comunali, l’elezione del Presidente del Consiglio, il giuramento del sindaco e la presentazione delle linee programmatiche del mandato dell’amministrazione.

Un consiglio comunale che, salvo variazioni in seguito ad eventuali nomine assessorili, che comporterebbero le dimissioni del consigliere nominato appunto assessore e l’ingresso in consiglio del primo dei non eletti nella medesima lista, sarà così composto: Partito Democratico primo partito con 5 consiglieri comunali: Alessio Ducci con 196, Riccardo Tomei 179, Antonella Ratini 171, Rebeca Fioranelli 159, Marianna Mercuri 125. Per Frascati che Verrà Sergio Carlini 172 e Selene Cerroni 140. Frascati Progressista Paola Gizzi 197: consigliera più votata di tutta la coalizione. Per Rigenerazione Frascati Michele Arganini 96 e Per Cambiare Frascati Corrado Spagnoli con 109 voti.

Generico ottobre 2021

In MINORANZA ci saranno: i candidati sindaco Roberto Mastrosanti, Emanuela Bruni e Anna Delle Chiaie. Per le liste: Frascati Verde Matteo Angelantoni 258, Mastrosanti Sindaco Gelindo Forlini 118. Fratelli d’Italia Marco Lonzi 128.

Generico ottobre 2021

Un consiglio che, sulla carta, promette di regalare alla costituenda amministrazione un futuro piuttosto sereno e privo di scossoni per i prossimi anni, vista innanzi tutto la presenza di ben 5 consiglieri PD in una maggioranza che, cammin facendo, potrà contare se non proprio sul sostegno palese di una parte di centro destra più accomodante, quantomeno su un’opposizione non apertamente ostile da parte di Emanuela Bruni e Marco Lonzi. Una composizione di giunta ancora top secret ma di cui in città si parla già da un po’ tirando in ballo, manuale Cencelli alla mano, nomi e deleghe ovviamente ancora coperti da un discrezionale quanto legittimo silenzio. Un momento questo in cui, smaltita la sbronza post vittoria, si torna con i piedi per terra, pronti a fare i conti con i delicati equilibri politici, nel caso specifico tutti interni alla coalizione di centro sinistra e alle 7 lsite che hanno sostenuto la candidatura, proposta lo scorso 24 marzo dal Partito Democratico, di Francesca Sbardella. Equilibri che verosimilmente verranno rispettati per tutti gli assessori che saranno nominati e le deleghe anche extra consiliari eventualmente assegnate, così come per la presidenza della municipalizzata Sts, eccezion fatta per la nomina squisitamente tecnica che ci si aspetta per le pesanti deleghe di Bilancio e Patrimonio. Nell’attesa che la squadra di governo venga ufficializzata è plausibile avanzare alcune ipotesi e, se non su tutti i nomi e relative deleghe, almeno sui criteri di scelta adottati. In un consiglio blindatissimo fortemente connotato dalla presenza del partito espressione della sindaca, importante sarà, in ottica di governabilità e stabilità, dare a “Cesare quel che è di Cesare”, premiando sì l’impegno elettorale ma coniugandolo in un’ottica di competenza, attitudini e capacità individuali.

Come detto sono tanti i nomi che in questi giorni circolano e si ripetono con più o meno insistenza e che, tra realtà e fantasia, vedono ripetersi, primo su tutti, quello di Franco D’Uffizi in veste di vice sindaco, dopo aver contribuito alla formazione e al successo della lista Frascati Progressista, premiata con 617 voti e le 197 preferenze individuali di Paola Gizzi. Nella medesima ottica sembra assodata una delega assessorile per i navigati Matteo Filipponi (in quota PD) e Claudio Cerroni, per la lista Frascati che Verrà (787 voti). Ci sono poi in ballo, in ordine sparso e non necessariamente per un posto in giunta, i nomi del consigliere Corrado Spagnoli (Per Cambiare Frascati), Alessio Ducci e Riccardo Tomei del PD e Paolo Toppi. Sulla quota rosa difficile sbottonarsi, così come per il nome del tecnico o della tecnica, che dovrebbe arrivare in giunta.

Ancora una settimana di attesa e Frascati conoscerà la sua nuova amministrazione che, promesse alla mano, la farà tornare di nuovo a splendere come merita.

Più informazioni
commenta