Quantcast
Albano, primo incontro “Albano Migliora” sull'abbattimento delle Barriere Architettoniche - Castelli Notizie
Politica

Albano, primo incontro “Albano Migliora” sull’abbattimento delle Barriere Architettoniche

Generico novembre 2021
È partita con entusiasmo e interesse “Albano migliora”, il ciclo di incontri che l’amministrazione comunale del sindaco Massimiliano Borelli ha deciso di organizzare per confrontarsi con la comunità sul tema delle infrastrutture e delle opere pubbliche nella città dei Castelli Romani.
“Il miglioramento della pandemia, negli ultimi tempi, permette di poter organizzare degli incontri in presenza – aveva detto nei giorni scorsi il sindaco Borelli -. L’idea è quella di spiegare cosa stiamo facendo e come stiamo mettendo in pratica le proposte scritte nel nostro programma”. Detto, fatto. Sabato mattina c’è stato il primo meeting, al quale hanno preso parte , tra gli altri, il primo cittadino e il vice Luca Andreassi: “Una bella occasione di confronto e partecipazione, in cui abbiamo raccontato il nostro progetto di abbattimento delle barriere architettoniche e, nello specifico, i lavori che interesseranno il centro storico da Piazza Mazzini a Largo Murialdo passando per Via Cairoli e Piazza Pia – ha sottolineato Andreassi, che poi ha puntualizzato -. Amministrare significa prendere decisioni ed attuarle per rendere la Città migliore. Partecipare queste decisioni con i cittadini, le rafforza e le migliora ulteriormente perché dal confronto esce sempre qualcosa di buono”.
Nello specifico, poi, questo progetto di abbattimento delle barriere architettoniche nel borgo cittadino nasce già “partecipato dalle associazioni che insieme alla consigliera comunale Laura Faccia, insieme agli Uffici, insieme a noi ed ai progettisti – ha spiegato ancora il vicesindaco di Albano Laziale -, ci hanno aiutato a realizzare un progetto che risponda davvero alle esigenze non solo di chi vive ogni giorno a contatto con la disabilità ma anche di quelle categorie che non hanno rapporti diretti con la disabilità ma che pure con le barriere architettoniche devono farci i conti. Le mamme con i passeggini, per esempio. Perché una città che sia a misura delle categorie più fragili è una Città senza dubbio migliore”.
In questo percorso, l’amministrazione comunale di Albano ha cercato di coinvolgere quante più associazioni possibili. Nello specifico hanno lavorato il gruppo “Una mamma per le mamme”, che ha messo un focus su genitori che girano per la città mostrando ostacoli da superare muovendosi con passeggini o per soddisfare varie esigenze con bambini piccoli; l’associazione Insegniamo che si occupa della comunità sorda e ha lasciato numerose osservazioni e suggerimenti sull’abbattimento delle barriere sensoriali, promuovendo e sensibilizzando la LIS come mezzo di abbattimento della barriera della comunicazione; la Consulta Neuromuscolare Regione Lazio, Parent Project aps e gfbonlus , che ha messo sul tavolo di confronto numerose osservazioni e proposte per l’eliminazione delle barriere fisiche; e, infine, UICI – sezione di Roma, che ha dato il suo contributo in merito all’abbattimento di barriere sensoriali e digitali per ciechi e ipovedenti.
“Albano migliora” adesso non si ferma, anzi continuerà sabato 6 novembre con un incontro sul progetto di sottopasso di via piani di Monte Savello, sabato 13 novembre sul quartiere Plus di Cecchina e, a chiudere, sabato 27 novembre sulla rigenerazione urbana di via Saffi e strade limitrofe.
leggi anche
Generico novembre 2021
Politica
Albano, terzo incontro di Palazzo Savelli con i cittadini sul plus di Cecchina 
commenta