Quantcast
Velletri - Per Francesco Pennacchi, a 6 anni dalla morte, una panchina con vista mare alle Grotte di Nerone (Anzio) - Castelli Notizie
Attualità

Velletri – Per Francesco Pennacchi, a 6 anni dalla morte, una panchina con vista mare alle Grotte di Nerone (Anzio)

FRANCESCO MARIA PENNACCHI

Chi vi si fermerà ad ammirare la maestosità di un tramonto, col sole che si spegne nel mare, e chi vi aspetterà che l’alba s’accenda nei bagliori delle onde. Chi vi si fermerà perdendosi in un abbraccio, nella romantica visione dell’orizzonte, e chi lo farà distrattamente e altrettanto distrattamente volgerà lo sguardo alla sua foto e magari si chiederà “perché?”.

Se sul “perché?” neppure una giustizia che ha fatto storcere il naso a molti ha saputo dare una risposta, nel pomeriggio di sabato 27 novembre, a distanza di 6 anni da quel tragico 27 novembre del 2015, il suo nome tornerà a vivere attraverso un’iniziativa che servirà proprio a tenerne vivo il ricordo.

E’ proprio in memoria di Francesco Maria Pennacchi, ucciso per futili motivi a soli 32 anni, il Comune di Anzio ha deciso installare una panchina commemorativa, su proposta della famiglia, accolta benevolmente dall’Amministrazione guidata da Candido De Angelis, che ha dimostrato in un colpo solo tutta la sensibilità e vicinanza che a Velletri, dove è avvenuto il delitto e Francesco Maria viveva e lavorava, nessuno ha mai avuto.

“Parteciperanno gli amici e tutti coloro che hanno avuto la possibilità di conoscere il giovane commercialista. La scelta del luogo è stata semplice, lui amava ritirarsi in quell’angolo di paradiso, per leggere, pensare ed ammirare il mare di Anzio dai giardini delle Grotte di Nerone”, hanno svelato dal Comune anziate, a presentazione dell’iniziativa.

Proprio ad Anzio, dove Francesco Maria è nato, riposano le sue spoglie mortali, dopo il diniego dell’allora amministrazione comunale veliterna di soddisfare le richieste della famiglia del giovane commercialista veliterno, che è approdato nella città dello Sbarco dopo un intermezzo a Lugano (Svizzera).

L’inaugurazione della panchina è prevista per le 15.30 di sabato 27 novembre; a seguire, alle 17.30, verrà celebrata una Santa Messa in suffragio nella basilica di Santa Teresa. Ci sarà mamma Isabella che, nonostante il cuore lacerato dal dolore, da quel tragico giorno non ha mai smesso di invocare giustizia e di ricordare le virtù del suo piccolo grande uomo…

“Francesco è nato ad Anzio – svela Isabella – e anche una volta trasferiti a Velletri ogni tanto andava li, d’estate o d’inverno, ogni qualvolta avesse bisogno di respirare o di respirare l’immensità del mare. Ringraziamo il Sindaco e l’Amministrazione comunale di Anzio, che ci hanno dimostrato tanta vicinanza, per un regalo che ci auguriamo possa tenere vivo il ricordo e possa servire da monito contro ogni forma di violenza, affinché certe tragedie non abbiano più a ripetersi”.

Francesco Maria Pennacchi panchina

 

commenta