Quantcast
CN Movie - E' arrivata 'La Casa di Carta' parte 5, volume 2: la serie è finita, le emozioni no - Castelli Notizie

L’età dell’oro del mondo della serialità è finalmente arrivata e – senza alcun dubbio – Netflix con l’acquisto della serie dei record “La Casa di Carta” ne è diventato il vero fautore grazie al guizzo creativo di Alex Pina che è riuscito a trasformare una semplice serie tv pensata per il mercato spagnola ad un colosso internazionale disponibile in più di 150 Paesi.

Nel secondo volume dell’ultima stagione de “La Casa di Carta” la serie ritorna alle origini; dopo numerose digressioni, infatti, in questi cinque episodi conclusivi il prodotto torna al cuore centrale dello show che è riuscito a far innamorare milioni di fan in tutto il mondo. La rapina alla Banca di Spagna è ormai agli sgoccioli: ci sono tonnellate d’oro da portare fuori dalla banca, per poi tirare fuori la banda dalla trappola mortale messa in atto dall’esercito di Sagasta.
Tutto riparte dal momento in cui il volume 1 si è concluso: la morte di Tokyo e l’uccisione di 6 militari dell’esercito messo in campo da Tamayo. Tutti si stanno preparando per una reazione. La banda, il Professore all’esterno, quello che rimane dell’esercito all’interno, ma anche l’intero corpo di polizia e, soprattutto, Alicia Sierra la vera variabile impazzita, il Joker che può davvero cambiare tutte le carte sul tavolo da gioco.

La Casa di Carta Parte 5 Volume 2, dopo che da heist movie era diventata un war movie, ora ritorna nell’ambito del cinema di rapina, un prodotto fatto di regole, strategie, piani e numerose alternative ai piani proposti, a tratti diventa un film western, ma la verità è un’altra. La Casa di Carta, una serie che, vi piaccia o no, è a suo modo unica, un mix perfetto di un’infinità di generi che fondendosi insieme riescono a regalare – a chi guarda – un prodotto unico e ricco di colpi di scena. Il finale di serie conferma e porta al limite gli ingredienti che fino a qui hanno caratterizzato la serie di Alex Pina.

La suspense e la tensione, che in alcuni momenti raggiungono livelli, ma anche la sospensione dell’incredulità, che anche in questi episodi è ai suoi massimi livelli proposti, ma il bello è proprio questo! -s e non vi lasciate andare a questa sospensione, La Casa di Carta non fa per voi. Gli ultimi 5 episodi nascono con un obiettivo preciso: tentare di alzare, continuamente, l’asticella della sfida e del pericolo con dei momenti goliardici e ricchi di amore, come le scene in cui assistiamo ai dolori Denver, alle visioni – a tratti particolarmente divertenti – di Stoccolma, ma soprattutto alla distruzione emotiva di Rio.

Il finale di serie è davvero all’ennesima potenza; se la serie di Pina vi è sempre piaciuta sicuramente non resterete delusi dal finale realizzato. Al contrario, se siete tra i detrattori del prodotto Netflix probabilmente non vi piacerà. Tutto in questo finale di stagione è studiato nei minimi dettagli; gli sceneggiatori, che da anni ormai stanno muovendo le pedine (i personaggi) sulla scacchiera, hanno trovato il modo di dare nuovamente filo da torcere al Professore e alla sua banda: come l’apparizione – scontata, ma d’effetto – di due provetti ladri che giocano ai loro stessi trucchi di illusionismo.

I personaggi, elemento centrale che più di tutto ha rapito il cuore del pubblico, non sono solo delle pedine, tutt’altro. Hanno aspirazioni, affetti, sogni, legami e voglia di futuro. Sono legati al proprio passato, ai propri amanti, all’ideologia che li ha sempre contraddistinti: un elemento ricorrente a cui tutti fanno riferimento è la verità. E La Casa di Carta, serie iperbolica e simbolica, ha in sé quel fondo di verità quando sotto alle tute, alle maschere di Dalì, sotto all’oro fuso e poi ricreato, si fa carico degli ultimi, degli emarginati, dei reietti.

Bella Ciao non è una canzone a caso; quella del Professore e della Banda, infatti, è una lotta partigiana contro i potenti, i poteri forti, la dittatura delle banche e dei governi che occultano le informazioni. In tutta la serie, fin dal principio, c’è molta verità partendo proprio dal colore de La Casa di Carta: il rosso in tutte le sue sfumature, un colore da sempre legato al potere, alla passione, alle emozioni forti e al pericolo. Eppure, nonostante l’importanza della verità, la serie mostra anche l’altro lato della medaglia: in cui l’illusione, il gioco di prestigio, la magia la fanno da padrone.

Ormai lo sappiamo, non è tutto oro quel che luccica. La Casa di Carta è finita. Ma il sogno no, quello continua, per sempre.

LA CASA DI CARTA 5

 

leggi anche
Vita da Carlo Verdone Amazon
Cultura
CN Movie – Recensione di “Vita da Carlo” (Amazon Prime): tra disavventure e romanità
Cn Movie Yara
Tempo libero
CN Movie – YARA, il docufilm su Netflix che racconta dell’efferato delitto della 13enne di Brembate
auto acchiappafantasmi
Cn movie
CN MOVIE – Rubata l’auto degli Acchiappafantasmi, era in tour in vista dell’uscita al cinema di ‘Ghostbusters: Legacy’
Generico dicembre 2021
Cultura
CN Movie – I film per le Feste: in streaming spicca “Io sono Babbo Natale” con Gigi Proietti e Marco Giallini
commenta