Quantcast
Braccio di ferro tra Rocca di Papa e Velletri su via dei Corsi, il Consorzio stradale risponde a Cimino - Castelli Notizie
Politica

Braccio di ferro tra Rocca di Papa e Velletri su via dei Corsi, il Consorzio stradale risponde a Cimino

consorzio via dei corsi

In riferimento alle dichiarazioni rilasciate alla nostra testata dal Sindaco del Comune di Rocca di Papa, Veronica Cimino, in merito alla questione di via dei Corsi, strada divisa tra il comune roccheggiano e quello di Velletri, il “Consorzio Stradale Pian de Cerri – Via dei Corsi” – di cui è stata contestata la nascita –  ha inviato una nota in risposta.
“La versione dei fatti offerta dal primo Cittadino non corrisponde assolutamente al vero ed appare come un tentativo di giustificare le gravi e continuate inadempienze amministrative a spese dei cittadini residenti di Velletri e di quelli dello stesso Comune di Rocca di Papa ed, in generale, degli utenti che quotidianamente utilizzano questo tratto di strada”.

“A sostegno di detto assunto ci sono vent’anni di documentato disinteresse nei riguardi delle istanze dei cittadini, anche raccolti in comitati, che hanno protestato e manifestato nei confronti di tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute nel tempo, compresa anche quella odierna del Sindaco Cimino che oltre a non operare fattivamente, non ha consentito al Consorzio di svolgere le
proprie mansioni”.

buche via dei corsi

“Il conseguente stato di abbandono è confermato anche dalle pessime condizioni delle altre strade viciniori, di competenza esclusiva del Comune di Rocca di Papa, come la Via Barbarossa, la Via Grotticelle, la Via Colle Preda.
In verità un gruppo di cittadini esasperati, richiedeva al Comune di Velletri di utilizzare il combinato disposto del Decreto Luogotenenziale n. 1446/18 e della Legge 126/58 che obbliga i Comuni di costituire, anche senza la richiesta dei cittadini interessati, dei consorzi stradali, in presenza di strade “vicinali”, sostanzialmente private, ma “aperte al pubblico transito” , come risulta essere, appunto, Via dei Corsi per tutti i suoi 1800 metri di percorrenza”.

“In accoglimento di questa corale richiesta, dopo anni di studio, di approfondimenti ed accurate verifiche, il Comune di Velletri con delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 19.11.2018 stabiliva la: “costituzione del consorzio stradale obbligatorio per la sistemazione e manutenzione della Strada Vicinale di Pubblico Transito denominata Via dei Corsi (art.14 della L. 12 febbraio 1958, n.126)”.
La legittimità della esistenza del Consorzio risulta da questi atti normativi e regolamentari e non può essere messa in discussione da nessuno e neppure dal Comune di Rocca di Papa cui corre l’obbligo di sottolineare che il Consorzio stradale non incide sulla proprietà della strada ma ne deve soltanto garantire la gestione, sia ordinaria e sia straordinaria, utilizzando il contributo economico facente
carico a “TUTTI” i proprietari frontisti, sia che si tratti di soggetti privati e sia che si tratti di soggetti pubblici.
Da questo deriva il coinvolgimento del Comune di Velletri e del Comune di Rocca di Papa.
Giova ricordare e sottolineare che quest’ultimo Ente ha avuto la facoltà di intervenire sia nella fase di costituzione del Consorzio e sia nel suo momento deliberativo e, pur essendo al corrente di tutti i passaggi, non ha mai sollevato alcuna opposizione in nessuna sede, né istituzionale e né giurisdizionale”.

“Questo “silenzio assordante” dell’Amministrazione del Comune di Rocca di Papa è stato interrotto soltanto recentemente dal neo eletto Sindaco Cimino in occasione dell’iniziativa del Sindaco Pocci del Comune di Velletri di mettere in contatto gli Uffici tecnici dei due Enti, allo scopo di trovare una soluzione alle problematiche sollevate dal Comune di Rocca di Papa, anche con l’ausilio dei consulenti specialisti in materia consortile messi a disposizione da parte del Consorzio.
Ma sino ad oggi tutto si è rivelato inutile in quanto il Comune di Rocca di Papa ha confermato la sua granitica opposizione al riconoscimento della legittimità ed operatività del Consorzio deludendo ancora una volta le aspettative dei cittadini frontisti e degli utenti della strada, trascurando la grande utilità che il consorzio di gestione può fornire ai Comuni per la soluzione delle problematiche legate alla viabilità.
A sostegno della assurdità dell’atteggiamento del Comune di Rocca di Papa va ancora una volta ricordato, nel merito e nella sostanza delle problematiche sollevate, che la “Via dei Corsi” non è una strada pubblica, tanto che, fino al 1996, è annoverata, sia per il Comune di Velletri e sia per il Comune di Rocca di Papa, nell’elenco delle “strade vicinali” che appartengono ai “privati frontisti”.
Tanto è vero che neppure sulla espressa richiesta avanzata dall’Ufficio Viabilità del Comune di Velletri all’omologo Ufficio del Comune di Rocca di Papa, quest’ultimo è stato in grado di fornire idonea documentazione attestante il carattere pubblico della “Via dei Corsi” confermando l’assunto posto a sostegno della legittimità giuridica della costituzione del Consorzio della strada vicinale aperta al pubblico transito, denominata “Via dei Corsi”, a seguito della sopra richiamata delibera del Comune di Velletri n. 65 del 19.11.2018 , mai, lo si ripete, contestata dal Comune di Rocca di Papa.
E’ utile, inoltre, mettere a conoscenza della pubblica opinione che per i cittadini di Rocca di Papa la Via dei Corsi costituisce in pratica l’unico accesso alle altre strade a valle (Via Barbarossa, Via Grotticelle e Via Colle Preda, appartenenti al Comune di Rocca di Papa) e che per concorrere economicamente alla gestione della Via dei Corsi il Consorzio ha richiesto al Comune di Rocca di Papa un contributo annuo di euro 2.163, mai versato.
Nonostante questa enorme problematica, il Comune di Rocca di Papa, in questo ultimo anno, ha autorizzato il taglio della grande foresta comunale che costeggia la Via dei Corsi.
E’ facile immaginare come gli enormi mezzi di trasporto utilizzati abbiano continuato ad infierire sul tracciato della strada ed a nulla sono valsi i recenti interventi estemporanei di “pseudo manutenzione” che il Comune di Rocca di Papa ha realizzato, scavalcando la competenza del Consorzio.
A parere di questo ultimo detti interventi si sono rivelati, più che inefficaci, addirittura dannosi per il fondo stradale e, forse, saranno fonte di un effettivo “danno erariale” per l’Ente comunale.
Si coglie l’occasione per rammentare al Sindaco Cimino che il Consorzio, una volta costituito, non può essere sciolto per
decreto, in quanto è un Ente pubblico che ha una sua legittima autonomia, anche regolamentare, e risponde solo ai consorziati nelle Assemblee istituite in ogni anno solare.
Anche il Consorzio ha interpellato la Prefettura chiedendo che venga applicata la Legge e che non venga impedito da parte del Comune di Rocca di Papa di svolgere la sua funzione di gestore.
Il Sindaco Cimino, se ha veramente a cuore le legittime aspirazioni dei cittadini, è ancora in tempo a riconoscere la legittima esistenza del Consorzio, ad erogare le quote di sua spettanza, a curare questo lembo del territorio comunale bonificandolo e manutenendolo, in modo da arginare il deflusso delle acque piovane, a manutenere gli alberi pericolanti esistenti sul bordo strada, a contenere la vegetazione ingombrante che restringe le corsie, a recuperare, insieme al Parco la fauna selvatica (cinghiali, mandrie di bovini , etc) che scorrazza pericolosamente per le strade, etc.
Il Consorzio di Via dei Corsi, dal 2019, è intervenuto, nonostante la scarsità delle risorse a disposizione e le difficoltà della pandemia, per risolvere, o almeno per attenuare, le criticità incombenti su Via dei Corsi, legate alle conseguenze di nubifragi, trombe d’aria, segnalazioni di pericoli dipendenti dalla oggettiva pericolosità del tracciato stradale, dove non possono arrivare i servizi di scuolabus, autombulanze o altri mezzi di soccorso e dove non esiste una via di fuga in caso di incendi”.

Il 12 Febbraio 2020, il Consorzio ha organizzato anche una “Conferenza dei Servizi” proponendo un protocollo organizzativo, che ha visto la partecipazione e l’interessamento sia del Comune di Velletri e sia del Parco. Unico assente è stato il Comune di Rocca di Papa.
Invece, il Consorzio auspica la nascita di una realtà diversa, in cui le comunità cittadine di Velletri e di Rocca di Papa, in sinergia fra loro, operino per la utile gestione di tutte le strade dell’area, magari con una proposta da parte del Comune di Rocca di Papa di estendere il “Consorzio Pian de Cerri – Via dei Corsi” a tutte le altre strade limitrofe, ricoprendo in tal modo, come sembra desiderare, il ruolo di “Ente pubblico sostenitore” e non solo di “semplice frontista ostativo”.

Più informazioni
leggi anche
buche via dei corsi
Politica
Via dei Corsi, strada impraticabile tra Velletri e Rocca di Papa. Pocci: “La Sindaca Cimino non riconosce il Consorzio”
via dei Corsi Velletri Rocca di Papa
POLITICA
“Guerra Fredda” tra Velletri e Rocca di Papa su via dei Corsi, la terra contesa: interrogazione di Italia Viva con De Marchis e Cugini
commenta