Quantcast
Grottaferrata, la dirigente scolastica Nardi risponde sulla DDI per alunni Covid: "Serve certificato medico, la salute prima di tutto" - Castelli Notizie
Attualità

Grottaferrata, la dirigente scolastica Nardi risponde sulla DDI per alunni Covid: “Serve certificato medico, la salute prima di tutto”

istituto falcone grottaferrata

Dietro certificazione medica anche gli alunni dell‘Istituto comprensivo “Falcone” di Grottaferrata, che sono risultati positivi al Covid-19, potranno effettuare la Didattica Digitale Integrata (DDI). La dirigente scolastica Francesca Nardi, intervistata dopo le polemiche sorte da parte di alcuni genitori, ha rassicurato le famiglie lanciando però un monito.

“Ho studiato la materia a fondo e non vi è nessuna normativa che prevede l’attivazione della DDI per gli studenti positivi – ha detto Nardi -. Ciò non toglie che la scuola debba farsi carico del recupero degli studenti una volta rientrati in classe”. E’ questa la motivazione alla base della circolare dello scorso 10 gennaio, con la quale l’Istituto ha regolato l’attivazione della didattica a distanza in caso di quarantena per contatti con un positivo, ma non per gli studenti risultati positivi, perchè considerati assenti per malattia, anche se asintomatici.

Solo in presenza di un certificato medico che attesti che l’alunno è in grado si seguire le lezioni, la DDI viene attivata – ha aggiunto la dirigente -. La didattica integrata è impegnativa, ancor più della presenza in classe. Si tratta a tutti gli effetti del proseguimento dell’attività scolastica, e dunque presuppone il rispetto degli orari, implica l’elaborazione di elaborati e il sottoporsi a verifiche. Non possiamo decidere noi autonomamente se il bambino può sostenere tutto questo, ma sono i sanitari a doverlo accertare. La salute viene prima di tutto e su questo ho chiesto anche un parere all’Asl di competenza”.

“Abbiamo al contempo ben presenti i bisogni dei bambini – ha proseguito Nardi, rasserenando le famiglie -, ed il nostro corpo docenti è pronto e preparato nell’accogliere gli studenti al loro rientro, qualora non fossero in grado di sostenere la didattica integrata”.

Alla giornata di ieri l’Istituto Falcone registrava 11 studenti positivi, di cui 7 hanno presentato il certificato medico per la richiesta della DDI. A questi si aggiungono altri 40 alunni in quarantena fiduciaria per contatti con positivo in famiglia.

“Noi siamo pronti da tempo con un piano per la DDI da attivare in caso di lockdown, con piattaforme digitali e account per tutti gli alunni, anche quelli della scuola dell’infanzia – ha concluso la dirigente -, ma diamo anche ai nostri figli la possibilità di fermarsi in caso di contagio”.

 

 

 

 

 

commenta