Attualità

Marino, Santamaita: “Da Cecchi no a FEC e aiuti comunali alle famiglie colpite dal Covid. Perché?”

santamaita cecchi marino

“Nel Consiglio comunale di ieri, l’amministrazione Cecchi si astiene, ma allo stesso tempo boccia la mozione portata dal M5S e dalle liste federate riguardante i sostegni agli artigiani, ai commercianti e alle famiglie in difficoltà a causa del Covid-19”. Lo dichiara in una nota stampa l’ex assessore alle Attività Produttive di Marino Ada Santamaita. “La mozione – spiega Ada Santamaita – manifestava l’interesse di un proseguo, da parte dell’amministrazione Cecchi, in questa direzione, in considerazione del fatto che la pandemia continua a essere presente, e anche in modo preponderante, soprattutto per alcune categorie come i ristoratori, i wedding planners e i lavoratori di altri settori, senza contare la perdita di lavoro per molte famiglie, dovuta alla riduzione dei fatturati delle aziende”.

“Ebbene – prosegue Ada Santamaita –, il sindaco Cecchi dice no al FEC, uno strumento importante istituito dall’ex amministrazione Colizza a sostegno degli esercenti che, in questo periodo funesto, vedono compromessa la loro dignità di lavoratori onesti. E dice no anche ai sostegni con i contributi comunali per le famiglie bisognose, che si vedono ridotti notevolmente gli aiuti economici. La giusti-ficazione del sindaco Cecchi è che ‘il bene si fa in silenzio’, con i fondi regionali, e che quindi adotterà modalità di aiuto silenti. Forse dimentica di avere un ruolo che non gli consente di fare azioni senza atti pubblici?”.

“Cecchi dovrebbe sapere – conclude l’ex assessore – che sono gli stessi atti pubblici a far cessare il silenzio. Sindaco, comprendiamo la sua rabbia, ancora oggi, per averle dimostrato che degli ‘incompetenti’ siano stati in grado di affrontare un periodo altamente delicato e che oggi tocca a lei saperlo fare. Forse teme il confronto? Se ne faccia una ragione! Noi controlleremo ogni vostra azione, nel bene e nel male, e ad oggi ancora non si vede nulla che ci faccia sperare nel bene. La mozione è stata approvata, tecnicamente, ora aspettiamo gli sviluppi”.

commenta