Quantcast
"Frascati città giardino", approvate le proposte di restauro e valorizzazione di Villa Torlonia, Villa Sciarra e dell’Ombrellino - Castelli Notizie
Politica

“Frascati città giardino”, approvate le proposte di restauro e valorizzazione di Villa Torlonia, Villa Sciarra e dell’Ombrellino

parco ombrellino frascati

La Giunta Comunale di Frascati ha approvato nella seduta di ieri, lunedì 14 marzo 2022, le tre proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione dei parchi storici di Villa Torlonia, Villa Sciarra e dell’Ombrellino.

«Gli interventi si inseriscono nel progetto integrato “Frascati, una città giardino” – dichiara il Consigliere Delegato ai Bandi, Michele Arganini – che, insieme a Giulio Bargelli, abbiamo elaborato come Comune di Frascati, in collaborazione con l’Istituto Regionale per le Ville Tuscolane (IRVIT). I parchi storici di Frascati rappresentano un importante complesso di beni dall’alto valore artistico, architettonico e botanico, che troppo a lungo è stato trascurato e che oggi mostra evidenti segni di degrado. Le proposte presentate mirano a restituire a tali beni la loro identità storica, promuovendone una fruizione consapevole da parte della cittadinanza e dei visitatori, in un’ottica di patrimonializzazione territoriale e per lo sviluppo di un turismo responsabile e di comunità».

Le tre proposte presentate questa mattina al Ministero della Cultura, per un investimento complessivo di 4,5 milioni di euro a valere sui fondi del PNRR, prevedono, accanto agli interventi di conservazione, messa in sicurezza, ripristino e implementazione della componente arborea, vegetale, architettonica e impiantistica dei giardini, l’allestimento di un’aula didattica con un percorso espositivo multimediale, la rifunzionalizzazione e la valorizzazione della biblioteca per bambini e ragazzi “Casa di Pia”, la creazione di punti ristoro, di un reading corner e di un percorso sensoriale, la realizzazione e la gestione di due serre, con scopo scientifico e didattico, con annesse aree di riproduzione e conservazione della banca genetica dei giardini, nonché lo sviluppo di un videogioco con finalità di edutainment, la realizzazione di un modello digitale 3d (HBIM) per ciascun parco, l’installazione di pannelli informativi inclusivi e la riproduzione in 3d di una stampa antica delle Ville Tuscolane, con un’innovativa tecnica che consente una fruizione interattiva e inclusiva dei contenuti informativi.

Molteplici le collaborazioni previste (Università La Sapienza e Tor Vergata di Roma, Orto Botanico di Tor Vergata, Università di Cassino, IRVIT, LABSUS, Consorzio Sistema Castelli Romani, DMO Castelli Romani) per lo sviluppo di progetti di ricerca, di promozione turistica e culturale, divulgativi, didattici e di formazione, nonché per la costruzione di un articolato percorso di amministrazione condivisa che prevede uno sviluppo rigoroso e innovativo degli strumenti giuridici da adottare (nell’ambito di un progetto di ricerca universitario post dottorato), congiuntamente ad una attività di animazione di comunità e di formazione dedicata ai cittadini attivi sotto i diversi profili storico-culturali, della partecipazione e della cura del verde.

«Mi associo alla soddisfazione del Consigliere Arganini per lo sviluppo di una proposta innovativa e ambiziosa – aggiunge Giulio Bargelli, un master in valorizzazione culturale e una delega della Sindaca Sbardella all’Innovazione culturale – per la quale abbiamo lavorato fianco a fianco con IRIVIT e il consulente agronomo Gerardo Fernandez Medina, con l’intento di sviluppare un progetto culturale di alto profilo, capace di incrementare l’attrattività turistica del nostro territorio e di innescare al contempo processi partecipativi, educativi e inclusivi virtuosi, a beneficio di tutta la comunità. Voglio ringraziare, anche a nome del Consigliere Arganini e di tutta l’Amministrazione Comunale, la dottoressa Barbara Capoccia, l’ingegnere Riccardo Basili e tutto l’Ufficio Tecnico Comunale, per il grande lavoro di squadra che ha consentito lo sviluppo del progetto. Un ringraziamento particolare va poi al Commissario di IRVIT, Francesco Paolo Posa, e alla professoressa Maria Barbara Guerrieri Borsoi, che ancora una volta ha posto la sua passione e la sua competenza al servizio della Città di Frascati».

Più informazioni
commenta