Quantcast
Grottaferrata, in tanti nella Chiesa di San Pio X per l'ultimo saluto al generale dei Carabinieri Luigi Longobardi - Castelli Notizie
Attualità

Grottaferrata, in tanti nella Chiesa di San Pio X per l’ultimo saluto al generale dei Carabinieri Luigi Longobardi

luigi longobardi

La comunità di Grottaferrata ieri ha detto addio al generale del corpo d’Armata dei Carabinieri Luigi Longobardi. Nel pomeriggio di ieri si sono svolti i funerali nella Chiesa di San Pio X, che ha faticato a contenere i tanti, tra familiari, colleghi e amici, accorsi per tributargli l’ultimo saluto.

Il generale, si è spento improvvisamente nella notte a causa di un improvviso malore, all’età di 69 anni. Una persona stimata, in tanti lo ricordano per i suoi modi affabili, sempre disponibile con tutti, e fortemente impegnato nel sostegno ai più fragili.

Il generale Longobardi viveva in zona Squarciarelli a Grottaferrata, ed era rimasto ai Castelli Romani dopo aver diretto tra 1996 ed il 2000 Gruppo carabinieri di Frascati.
Dal 2007 al 2012 ha operato a L’Aquila ed è stato dunque in prima linea nel drammatico terremoto del 2009.
Dopo il 2012, da generale di divisione Longobardi è ritornato a Roma al Ministero della Difesa per poi diventare generale di Corpo d’armata e comandante delle scuole dell’Arma.

Nel 2020 Luigi Longobardi era stato anche insignito della croce d’oro al merito dell’Arma dei Carabinieri, con la seguente motivazione: «ufficiale generale di preclare qualita’ umane e professionali, ha sempre costituito limpido esempio e sprone per il personale dipendente, assicurando costantemente soluzioni organizzative brillanti e di rara efficacia. Nel corso di oltre quarantanove anni di prestigiosa carriera militare, ha ricoperto incarichi di assoluto rilievo tra i quali spiccano quelli di vice comandante delle unità mobili e specializzate “Palidoro”, di presidente della Commissione di valutazione per l’avanzamento e, da ultimo, quello di comandante delle scuole dell’Arma dei carabinieri. Con la sua infaticabile e preziosa opera di comando e di pensiero ha contribuito al progresso dell’istituzione, esaltandone spiccatamente il lustro e il decoro nell’ambito delle Forze armate e della Nazione».

Lascia moglie e tre figlie, cui anche la redazione di Castelli Notizie rivolge sincere condoglianze.

luigi longobardi

Più informazioni
commenta