Quantcast
Lariano, si rinnova la solidarietà con le Rose di Santa Rita grazie al volontario Alessio Quattrocchi - Castelli Notizie
Attualità

Lariano, si rinnova la solidarietà con le Rose di Santa Rita grazie al volontario Alessio Quattrocchi

Anche quest’anno  a Lariano Alessio Quattrocchi, il giovane volontario della Fondazione Santa Rita da Cascia onlus, il primo maggio ha puntualmente distribuito le piantine di rosa, simbolo della Santa dei Casi Impossibili, con un banchetto in Piazza Sant’ Eurosia, nel centro di Lariano. 

Generico maggio 2022

Già dal giorno precedente Alex, supportato dalla mamma, dal papà e dalle due sorelle, ha iniziato la consegna delle rose  a domicilio e ai commercianti. Molti cittadini ormai abituati alla sua presenza, il primo week end di maggio, hanno prenotato le loro rose da regalare alle mamme, alle figlie o semplicemente da godersi nella propria abitazione. 

Alex, come per lo scorso anno, ha terminato tutte le 165 piantine che aveva a disposizione e che con tanta dedizione dona da quattro anni in cambio di una piccola somma per l’Alveare di Santa Rita, una struttura di accoglienza di ragazze e bambini in difficoltà accanto al Monastero, e che rappresenta uno dei progetti finanziati da questa iniziativa, volta a sostenere in generale  il mondo dell’infanzia.

L’evento ha coinvolto oltre 500 piazze in tutta Italia e ha visto scendere in campo 1500 volontari, tra cui Alex che sembrerebbe essere il più giovane, come riferitoci dal papà.

Oltre alla bellezza, il fiore assume un significato simbolico perché come ricorda Suor Maria Rosa Bernardinis, la badessa del Monastero e presidentessa della Fondazione, Santa Rita in punto di morte “chiese un segno a Dio per il marito e i due figli – tutti deceduti prematuramente – che le rispose donandole una rosa e due fichi cresciuti nella neve. Così il Signore le dice di non preoccuparsi perché li ritroverà in Cielo. Mi piace pensare che questo segno lei lo abbia chiesto anche per noi  Rita sapeva che abbiamo bisogno che qualcuno ci ricordi che tra noi e chi abbiamo amato c’è sempre un legame profondo”.

Ed è proprio alla figura di questa santa che si ispira nella propria vita il nostro volontario che appena venticinquenne decide di voler fare qualcosa in nome di questa donna che lui tanto ammira. “Io vengo da una vita non sempre facile. Fin da piccolo soffro di una malattia che mi ha limitato nel portare a termine vari progetti intrapresi, ma ciononostante non mi sono mai arreso. L’ esempio di questa donna che si è sempre rialzata nonostante le tante sofferenze e prove a cui la vita l’ha sottoposta, rappresenta per me, un sostegno e un’ancora di salvataggio. Io mi do forza attraverso di lei” ci ha confidato Alex sorridendo: un giovane che ha portato a Lariano questa iniziativa con così tanta determinazione da aver creato un evento a cui i larianesi rispondono con altrettanto entusiasmo.

 

Più informazioni
commenta