Quantcast
Velletri - Il Vescovo Apicella ha convocato il Presbiterio: attese comunicazioni sulla sua successione - Castelli Notizie
Attualità

Velletri – Il Vescovo Apicella ha convocato il Presbiterio: attese comunicazioni sulla sua successione

Alle 12 di sabato 7 maggio il Vescovo S.E. Rev.ma Mons. Vincenzo Apicella, si troverà al cospetto dell'intero Presbiterio, da lui convocato per "importanti comunicazioni"

vescovo velletri apicella

Ad una settimana esatta dall’Esposizione della Madonna delle Grazie, che ha dato il là ai riti legati alla celebrazione della Divina Protettrice della Città di Velletri, sulla Basilica di San Clemente torneranno nuovamente ad accendersi i riflettori.

Alle 12 di sabato 7 maggio, infatti, il Vescovo S.E. Rev.ma Mons. Vincenzo Apicella, si troverà al cospetto dell’intero Presbiterio, da lui convocato per “importanti comunicazioni”. Una comunicazione stringata, quella che ha accompagnato la convocazione, ma trapela tuttavia che al centro dell’incontro vi sarà il tema della successione, avendo Apicella già soffiato sulle sue prime 75 candeline ed avendo già rassegnato le sue dimissioni ad inizio anno. 

Vincenzo Apicella è Vescovo della Diocesi suburbicaria Velletri-Segni dal 28 gennaio del 2006, quando è succeduto all’amato Andrea Maria Erba.

Ricordiamo che il 25 marzo è stato celebrato il 50° anniversario di Ordinazione Sacerdotale del Vescovo Vincenzo Apicella, che nel giorno dell’Annunciazione ha così celebrato il giorno in cui, nel 1972, è stato Ordinato Sacerdote. Quello stesso giorno Apicella ha presieduto il rito della Benedizione della Prima Pietra e della Pergamena per la costruzione della Nuova Chiesa di Regina Pacis, in via del Cigliolo.

La messa ufficiata da Monsignor Apicella

LA BIOGRAFIA VINCENZO APICELLAVincenzo Apicella è nato a Napoli il 22 gennaio del 1947. Dopo essersi trasferito a Roma nel 1952 frequenta il liceo classico e poi entra nel 1965 nell’Almo Collegio Capranica. Alla Pontificia Università Gregoriana consegue la licenza in teologia e in filosofia e poi è ordinato sacerdote per la diocesi di Roma il 25 marzo 1972 nella parrocchia romana di San Clemente Papa dall’allora vicegerente, poi divenuto cardinale vicario, Ugo Poletti. Ricopre gli incarichi di vicario parrocchiale nella parrocchia di San Giovanni Battista De Rossi dal 1972 al 1977 e nella parrocchia di San Filippo Neri alla Pineta Sacchetti dal 1977 al 1985, insegnando anche religione nelle scuole. Il 1º gennaio 1986 diviene parroco di San Francesco Saverio alla Garbatella.

Il 19 luglio 1996 Papa Giovanni Paolo II lo elegge vescovo titolare di Gerafi e lo nomina vescovo ausiliare di Roma per il Settore Ovest succedendo a Cesare Nosiglia, contestualmente nominato vicegerente di Roma. È ordinato vescovo nella basilica di San Giovanni in Laterano, cattedrale della diocesi di Roma, dal cardinale Camillo Ruini, vicario generale di Sua Santità per la città di Roma e presidente della Conferenza Episcopale Italiana e da Cesare Nosiglia, arcivescovo vicegerente di Roma e Diego Natale Bona, vescovo di Saluzzo. Il 28 gennaio 2006 Papa Benedetto XVI, già Cardinale della stessa Diocesi, lo nomina Vescovo di Velletri-Segni. In seno alla Conferenza Episcopale Italiana è membro della Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace.

commenta