Quantcast
Elezioni Grottaferrata, FdI: "Noi il partito dello sviluppo economico" - Castelli Notizie
Politica

Elezioni Grottaferrata, FdI: “Noi il partito dello sviluppo economico”

Successo di partecipazione, all’iniziativa di Fratelli d’Italia Grottaferrata svoltasi nella serata di martedì 10 maggio presso gli spazi di Villa Alta, sui temi dello sviluppo economico, della rigenerazione imprenditoriale, del turismo, del commercio e dello sport. Insieme alla coordinatrice cittadina Moira Masi e ai candidati di Fratelli d’Italia che affronteranno la prossima sfida elettorale del 12 giugno, sono intervenuti esponenti sovracomunali del partito di Giorgia Meloni, unitamente al candidato sindaco del centrodestra a Grottaferrata Lorenzo Letta. Nella folta platea anche numerosi rappresentanti del mondo produttivo: commercianti, imprenditori, professionisti, destinatari di molte delle proposte contenute nel programma elettorale di Fratelli d’Italia e del centrodestra criptense.

“Intendiamo aprire un ufficio imprese che sia cinghia di trasmissione tra il territorio e i rappresentanti istituzionali” ha dichiarato Andrea Bizzarri, responsabile provinciale del Dipartimento Imprese e Mondi Produttivi di Fratelli d’Italia.

“Il turismo è la chiave che permette ai territori di fare un salto di qualità in termini di sviluppo, a patto che sia nelle mani di chi ne ha le competenze e l’esperienza – ha detto la responsabile provinciale del Dipartimento Turismo Federica Nobilio -. Fratelli d’Italia punta fortemente su questo settore come volano di sviluppo, in coerenza con le ricchezze e le vocazioni delle realtà locali”.

Nel merito politico della candidatura del centrodestra unito a Grottaferrata è entrato il consigliere della Città Metropolitana Massimo Ferrarini: “A Grottaferrata la candidatura di Lorenzo Letta a sindaco, frutto di un lavoro di squadra, rappresenta un fattore di rinnovamento, anche generazionale, che merita di essere sostenuto”.

La Regione Lazio è stato l’argomento su cui si è maggiormente concentrato l’intervento del consigliere regionale con Fratelli d’Italia Giancarlo Righini: “Per capire quanto la Regione Lazio a guida Partito Democratico abbia a cuore un settore qualificante per lo sviluppo, basti pensare che per 7 anni la delega sul Turismo è rimasta nelle mani del presidente Zingaretti, e quanto tempo abbia potuto dedicare a questo fondamentale tema il presidente della Regione, tranne il fatto di utilizzarla come strumento politico nell’ambito dell’accordo che ha visto l’ingresso in maggioranza del MoVimento 5 Stelle, ora titolare di quella delega assessorile. Con gli amici di Grottaferrata in questi anni abbiamo lavorato insieme a molte proposte, tra cui mi piace ricordare quella inerente la valorizzazione e il rilancio dell’IRVIT, l’Istituto Regionale Ville Tuscolane: un patrimonio abbandonato che merita di essere ripreso. Ma parlando di sviluppo c’è un tema dirimente che vede il centrodestra totalmente alternativo al centrosinistra, quello delle tasse, e non è un caso se nella Regione Lazio del PD vige la più alta imposizione fiscale d’Italia”.

Sul confronto tra politica e civismo si è soffermato Marco Silvestroni, deputato e presidente provinciale di Fratelli d’Italia: “Ringrazio Moira Masi per il lavoro svolto a Grottaferrata in qualità di coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia. Voglio rimarcare con convinzione come la forza della candidatura di Lorenzo Letta a sindaco derivi anche dal fatto che il suo nome sia espressione di una coalizione politica che ne sosterrà idee e progetti a ogni livello istituzionale. Questa è la fondamentale differenza tra il civismo e la politica”.

Una riflessione complessiva sul momento difficile che sta attraversando l’economia italiana l’ha offerta Riccardo Zucconi, deputato e capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Attività Produttive a Montecitorio, nonché promotore di una proposta di legge per la sterilizzazione dei costi di bollette e affitti per commercianti e piccole imprese nel periodo delle chiusure dovute alla pandemia: “Molti dei problemi che oggi affrontiamo sul versante dell’approvvigionamento energetico nazionale, così come nei comparti del turismo e della piccola e media impresa, derivano da una mancanza di visione dei governi che si sono succeduti negli ultimi 10 anni. Anche per questo motivo l’impegno politico negli enti locali è una palestra al servizio dei cittadini, necessaria per interpretare e tradurre i nostri valori e la nostra visione sui territori, più vicino alle persone”.

“Ringrazio Fratelli d’Italia per il sostegno ed il contributo di idee ed entusiasmo che sta mettendo in questa competizione – ha specificato il candidato sindaco del centrodestra Lorenzo Letta -. Grottaferrata ha bisogno di ritrovare la sua identità, che passa dal rilancio del suo settore produttivo. La Fiera, la ristorazione, il commercio, la sua storia. Noi ci candidiamo perché abbiamo una visione: l’istituzione dell’ente fiera, uno sportello efficiente per l’orientamento al lavoro, il decoro e la sicurezza urbana. Sono le proposte del centrodestra che né il centrosinistra né tantomeno l’ennesimo minestrone civico hanno mai saputo interpretare”.

A tirare le fila dell’incontro è Moira Masi, coordinatrice comunale di Fratelli d’Italia: “Negli ultimi anni registriamo, sia dai governi nazionali che dall’amministrazione comunale, una certa distanza rispetto alle esigenze del mondo produttivo. Crediamo che si debba invertire la rotta. Durante il lockdown Fratelli d’Italia aveva proposto al Comune di stanziare 200mila euro per sostenere le attività produttive di Grottaferrata nei pagamenti di locazioni e bollette, ma ci fu risposto che ‘il Comune non è una banca’. Dopo circa 9 mesi l’amministrazione, poi sfiduciata dalla sua stessa maggioranza, ha approvato una delibera che riprende in parte quella proposta, ma solo pochissime delle attività commerciali hanno potuto accedere al sostegno. Occorre cambiare radicalmente la visione del rapporto che l’amministrazione pubblica ha con chi produce ricchezza. Con particolare attenzione anche al mondo dello sport, non solo per il suo patrimonio in termini educativi e di tutela della salute, ma anche per le sue potenzialità in termini di sviluppo, economico e turistico. Ci candidiamo a farlo, con Lorenzo Letta e il centrodestra unito”.

commenta