Quantcast
Cosa fare e vedere ad Albano Laziale ai Castelli Romani, tra cultura e shopping - Castelli Notizie
Attualità

Cosa fare e vedere ad Albano Laziale ai Castelli Romani, tra cultura e shopping

Albano Laziale, uno dei Castelli Romani in provincia di Roma, offre molti spunti di attrazione. Si tratta di città di 39.482 abitanti, considerata come una delle più importanti dei Castelli per la sua elevata attività commerciale e la sua incredibile storia, legata al principato dei Savelli: un luogo, insomma, fatto di tranquillità, arte, bellezza e relax, in cui immergersi per trascorrere giornate immersi nella cultura e non solo.

Albano Laziale, uno dei Castelli Romani in provincia di Roma, offre molti spunti di attrazione. Si tratta di città di 39.482 abitanti, considerata come una delle più importanti dei Castelli per la sua elevata attività commerciale e la sua incredibile storia, legata al principato dei Savelli: un luogo, insomma, fatto di tranquillità, arte, bellezza e relax, in cui immergersi per trascorrere giornate immersi nella cultura e non solo.

Cosa fare ad Albano Laziale

In questa località, oltre a poter passeggiare per il Corso Giacomo Matteotti a guardare le allegre vetrine dei tantissimi negozi per lo shopping, si possono ammirare luoghi culturali di grande importanza e fascino.
La prima meta da esplorare sono i Cisternoni, un luogo di raccoglimento dell’acqua piovana realizzato dalla II Legione Partica per il rifornimento idrico dell’accampamento. Divisa in cinque navate sorrette da pilastri e sei volte a botte, i Cisternoni hanno contenuto ben 10.000 metri cubi d’acqua e, tutt’oggi, si possono ammirare in tutta la loro bellezza (e in piena funzionalità!).

Di enorme impatto è anche l’Anfiteatro Severiano, realizzato sempre dalla II Legione Partica intorno al 202 a.C., al tempo di Settimio Severo. Oltre a rappresentare uno spaccato incredibile dell’antica storia romana, il sito è divenuto luogo di rappresentazione teatrale e di spettacolo, tanto che ogni estate vengono organizzati concerti, spettacoli ed eventi che tendono a coinvolgere la popolazione e le città limitrofe. In più, continuando la salita, a pochi metri di distanza si ha la possibilità di osservare il Lago Albano di Castel Gandolfo, luogo turistico per eccellenza, e fare una passeggiata tutto intorno tra i boschi limitrofi. 

Affascinanti sono anche le strutture religiose presenti nella cittadina, fra le quali spiccano la storica chiesa di Santa Maria della Rotonda, un santuario mariano risalente al I secolo, e la bellissima Cattedrale di San Pancrazio, chiesa madre della sede suburbicaria di Albano. Entrambe costruzioni architettoniche di grande impatto, con opere d’arte presenti al proprio interno, i due edifici hanno da sempre attirato folle di turisti e affascinato chiunque sia entrato al proprio interno.

Ma di siti da esplorare, Albano Laziale ne ha moltissimi: le Catacombe di San Senatore, il Santuario di San Gaspare del Bufalo, Porta Pretoria e tanti altri.
Per ultimo, ma non per importanza, un luogo che ha sempre richiamato visitatori appassionati di mitologia è stata la Tomba degli Orazi e Curiazi, presente in Via della Stella ed edificato nella metà del I secolo d.C., a seguito della famosa battaglia avvenuta tra la famiglia degli Orazi (romani) e la famiglia dei Curiazi (di Albano) per la supremazia. Realizzato con blocchi di peperino, il sito è un unicum nel suo genere, simile alle costruzioni funerarie presenti a Volterra.

Fulcro di mostre e convegni è anche il Museo civico.

Eppure, non bastano poche righe per elencare tutte le possibili mete presenti nella cittadina castellana. L’unico modo per soddisfare la propria curiosità è andare a farsi un giro: non ne rimarrete delusi.

commenta