Cronaca

Terrore a Genzano per l’incendio che da via Montegiove si è propagato verso via Napoli e via San Carlino fotogallery video

Cresce la paura per l’incendio divampato poco dopo le 13 a Genzano, in zona Montegiove Nuovo, e poi allargatosi verso il vallone, tra via Napoli e via San Carlino, in una porzione di verde a sud del centro storico genzanese, in cui non mancano purtroppo abitazioni ed esercizi commerciali. 

L’incendio, di vaste proporzioni, si è sprigionato lungo la zona di via Montegiove Nuovo, non distante dal supermercato Eurospin. Sul posto, dall’ora di pranzo, sono operativi i gruppi di Protezione civile di Lanuvio, Genzano e La Fenice 2010 di Ariccia, Albano e Castel Gandilfo, oltre ai Vigili del fuoco di Marino, Velletri, Nemi e Aprilia. È stato necessario anche l’intervento di un elicottero che sta facendo da spola col Lago di Nemi per sganciare acqua ed avere ragione delle fiamme, che hanno intimorito non poco gli abitanti. 

Incendio via San Carlino genzano

Da diverse ore, ormai, il rogo sta imperversando in una vasta zona rurale alla periferia di Genzano, arrivando a minacciare anche le abitazioni, alcune delle quali sono state evacuate per precauzione. Da via Montegiove Nuovo, infatti, le fiamme si sono poi spinte verso via Napoli, via Capri, via Sorrento, via Palermo, via San Carlino e tutta la zona sottostante via Lenin, arrivando a pochi metri dalla Sala dei Testimoni di Geova.

Le temperature roventi di questi giorni non hanno certamente aiutato, come non aiuta neppure il vento moderato di queste ore. Ignote le origini del rogo, che saranno al vaglio di chi è intervenuto per domarlo. Sul posto sono sopraggiunti anche i Carabinieri, la Polizia Locale e la Polizia di Stato. L’evolversi della situazione è strettamente monitorato, anche in termini di viabilità, visto che il alcuni frangenti si è reso necessario chiudere le strade e dirottare altrove il traffico.

Il fumo intenso, che si leva in cielo, è visto anche a diversi chilometri di distanza; emblematico uno scatto pervenuto alla nostra redazione, direttamente dalle sponde del Lago di Nemi, dove l’elicottero dei Vigili del Fuoco si è diretto, prima di ogni lancio.

Nelle zone interessate dal rogo hanno stazionato anche due autoambulanze, che si sono prese cura di alcuni cittadini, interessati da principio di soffocamento. Si è reso necessario anche l’intervento del DOS, Direttore Operazioni Spegnimento.

 

leggi anche
Incendio Roma 4 Lug 2022 1
Cronaca
Incendi, il territorio continua a bruciare: tanti gli interventi
commenta